Share |

"Un mistero nero carbone", un "Invito a Westing House" e "Una lettera rosso sangue"

La narrativa gialla per ragazzi si arricchisce di tre nuovi lavori firmati da Anna Vivarelli, Ellen Raskin e dalla collaudata coppia formata da Pierdomenico Baccalario & Alessandro Gatti


18/02/2019

di Vera De Ragazzinis


Da qualche tempo a questa parte la narrativa gialla per ragazzi sta conquistando un numero sempre maggiore di affezionati lettori. Vuoi per l’attenzione che i genitori riservano a questo tipo di letteratura (e che pertanto amano travasare sui loro figli) vuoi per la curiosità che risulta innata nel mondo giovanile, sempre pronto ad appassionarsi al mondo del mistero e dell’immaginifico. E appunto a farsi carico di questo nuovo interesse è stata, ed è, Il Battello a Vapore, casa editrice che si rapporta con la Piemme, che proprio in questi giorni ha pubblicato altre tre novità. Che ovviamente non manchiamo di proporre ai lettori.

Il primo suggerimento per gli acquisti risulta legato a Un mistero nero carbone (pagg. 120, euro 9,90), un chicca firmata dalla premiata scrittrice torinese Anna Vivarelli che, a partire dal 1994, ha dato voce a una lunga serie di romanzi, diversi dei quali tradotti anche all’estero. 
Nel nostro caso la storia risulta ambientata nel marzo 1775 a Venezia dove, da diversi giorni, un ragazzo - figlio di un maestro intagliatore - è scomparso nel nulla. E qui entra in scena Marco, un giovane garzone, che incontriamo per la prima volta seduto, come ogni sera, al fondo delle fondamenta di Sant’Anna, con i piedi ciondolanti sull’acqua. Ed è appunto qui che si accorge di una strana figura che si aggira furtivamente sull’isola di San Pietro. Sta di fatto che il suo cervello comincia a elaborare teorie e a nutrire i primi sospetti. 
E anche se l’esperienza gli difetta, non ha alcuna intenzione di lasciar perdere. Tuttavia per ricostruire i fatti, svelare i tradimenti e le invidie che si nascondono dietro questa sparizione, ci sarà bisogno dell’acume di un investigatore inaspettato e un po’ sopra le righe: il celebre avventuriero Giacomo Casanova. Un cervello peraltro di livello, che “non si ferma alla prima soluzione, ma vaglia tutte le altre possibilità”.

Proseguiamo. Legato alla collana Giallo e Nero è anche Invito a Westing House (pagg. 253, euro 9.90, traduzione di Beatrice Visconti), una storia ben orchestrata e con un finale a sorpresa firmata dalla rimpianta americana Ellen Raskin, quotata illustratrice e graphic designer con oltre mille copertine realizzate per importanti case editrici. 
Si tratta di un canovaccio già arrivato sui nostri scaffali nel 2010, per i tipi della Mondadori, con il titolo Il testamento Westing, che ancora oggi conserva una freschezza narrativa di indubbio livello. Non a caso nel 2012 The Westing Game, questo il titolo originale, si classificò al nono posto tra i romanzi per bambini di tutti i tempi in un sondaggio pubblicato da School Library Journal, un quotato mensile a stelle e strisce. 
Detto questo, spazio a briciole di trama. È la notte di Halloween, una notte di luna piena. Per scommessa la giovane Turtle si avventura a Westing House dove, si dice, il cadavere del proprietario giaccia da anni a marcire.  La mattina dopo i giornali titolano: Sam Westing è morto! E gli inquilini delle Sunset Towers, compresa Turtle, vengono convocati alla lettura del testamento, decisamente bizzarro: l’autore dichiara di essere stato ucciso e sfida i presenti a scoprire il colpevole. In palio c’è la sua eredità. 
Inizia così un gioco investigativo in cui tutti sospettano di tutti, e nessuno è davvero chi dice di essere. Con Westing, dalla tomba, a mettere in atto una implacabile vendetta…

L’ultimo suggerimento si rifà alla terza avventura della serie “Gli Intrigue. Il mistero è un affare di famiglia” intitolata Una lettera rosso sangue (pagg. 166, euro 12,90). Una serie firmata a quattro mani da Pierdomenico Baccalario (giornalista, sceneggiatore e romanziere, nato ad Acqui Terme nel 1974, considerato uno dei maggiori scrittori italiani per ragazzi. Non a caso è stato tradotto in diciotto lingue) e Alessandro Gatti, un sedicente giornalista d’inchiesta - a sua volta pluripremiato autore - nato ad Alessandria nel 1975, il quale aveva deciso di sposare una tesi sconvolgente legata a un complotto ordito dagli inventori del noto gioco da tavola Risiko. Da qui una spedizione per smascherare la truffa… Ricordiamo inoltre che ad arricchire questa nuova storia sono ancora una volta le illustrazioni di Tommaso Ronda, un mago a mezzo servizio grazie a un corso per corrispondenza che ora si dedica soprattutto al disegno, attività che per lui rappresenta la magia più potente che esista. 
Ovviamente anche questo terzo appuntamento con il mistero (la verità è un segreto, e quel segreto è una bugia) si rapporta con le strane vicende di Casa Intrigue, una villetta dall’aspetto del tutto normale in quel di Amsterdam, dove tutt’altro che normale è la famiglia che vi abita in quanto si rapporta con un concentrato di spie. 
E se nelle passate avventure avevamo imparato a conoscere a fondo, fra gli altri, l’undicenne Zelda, silenziosa come una farfalla; Marcus, il bambino che non ama la tecnologia e la tecnologia non ama lui; e poi papà Laszlo, mamma Veena, la zia Edna, il maggiordomo Thibaut e il cane Orville IV, questa volta a tenere la scena è la quattordicenne Imogen, una ragazzina “con la faccia di bronzo che le permette di fingere e mentire in ogni situazione”. 
Lei che - per le pannocchie di san Pennacchio! - ha ereditato il genio matematico dalla madre e l’estro pittorico dal padre; lei che ha un fisico agile, perfetto per l’attività sportiva, e riesce a essere incredibilmente brillante in tutto ciò di cui non le importa nulla; lei che, pur essendo stonata come una campana e priva del senso del ritmo, da grande vorrebbe fare la popstar. 
Che altro? A proporsi protagonista è curiosamente una lettera cinese, fatta a mano, antica quanto preziosa. Peraltro colorata di rosso con porpora naturale nonché estremamente elegante. E poi incontriamo anche un uomo raffinatissimo, come la carta di questa lettera. Di chi si tratta? Di uno dei più grandi e ingegnosi criminali di tutti i tempi…

(riproduzione riservata)