Share |

A Milano la periferia si colora di… Airlite

Grazie alla sinergia tra Retake Milano, Politecnico e appunto Airlite è tornata a splendere - purificando l’aria - la facciata dell’ex cinema Abanella, oggi sede delle Sale Prova del Teatro alla Scala


04/12/2017

Gli abitanti del quartiere di Greco a Milano hanno vissuto un raro momento di coinvolgimento sociale grazie all’inaugurazione della nuova spettacolare facciata dell’edificio dell’ex cinema Abanella, oggi sede delle Sale Prova del Teatro alla Scala. La sinergia tra Retake Milano, Politecnico e Airlite, azienda produttrice di vernici che abbattono l’inquinamento dell’aria dell’89%, ha portato pulizia, genio, colore e positivi auspici per il buon vivere in un luogo periferico della città. 
Luogo dove l’effervescenza dei residenti e la reale partecipazione hanno mostrato la grande voglia di bellezza e dove si fa una parte della storia del teatro lirico più importante del mondo. Teatro che, da sempre, attrae interesse e crea grandi aspettative a livello internazionale, in quanto la sua vitalità non nasce solo sul palcoscenico, ma anche dagli spazi dove la ricerca della perfezione si concretizza nello spettacolo finale. E l’ex Abanella è uno di questi. 
Per la sua realizzazione dell’opera si sono impegnati gli studenti del Politecnico del corso di “Scenografia della Luce” curato dal professor Gianni Ravelli, i volontari di Retake Milano guidati da Andrea Amato nonché molti altri amici. Tutti determinati a impegnarsi con generosità perché potesse accadere una vera magia all’insegna di altre significative presenze: Airlite, l’azienda che ha donato il materiale; il Municipio 2, che ha offerto patrocinio e un contributo economico; i musicisti della Scala che sul tetto, mentre cadevano i teloni protettivi svelando l’insieme del dipinto, hanno diffuso note forti e commoventi. 
Con questo ultimo impegno Retake Milano, fra interno in scuole ed edifici di utilizzo sociale e murales esterni, utilizzando lo speciale prodotto Airlite, ha contribuito alla ipotetica messa a dimora di quasi 2.000 metri quadrati di bosco fitto, con piante virtuali ad alto fusto. Una magia che dona respiro buono innestando un’azione di pulizia dell’aria assimilabile alla sintesi clorofilliana delle foglie vere.

(riproduzione riservata)