Share |

A volte, nel mondo finanziario, anche piccolo è bello: il caso della Banca Passadore


13/09/2019

Amministratore Delegato, Francesco Passadore

Nel primo semestre di quest’anno, come da riunione e approvazione da parte del Consiglio di amministrazione, la Banca Passadore ha registrato un ulteriore sviluppo dei dati patrimoniali ed economici. Più in particolare la raccolta totale, diretta e indiretta, si è attestata a 7 miliardi e 620 milioni di euro, con un incremento dell’8,4% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Sul fronte dei finanziamenti alla clientela, pur in assenza di segnali consolidati di ripresa economica, questo istituto ha registrato un incremento del 3,0%. Mentre il rapporto tra i crediti deteriorati e il totale degli impieghi si è ridotto al 2,12%, confermandosi su valori di assoluta eccellenza (senza che sia stato effettuata alcuna operazione di cessione di partite non performing). 
Che altro? L’utile netto semestrale ha superato i 10 milioni di euro (+8,9%) con un indice di redditività pari al 10,6%. Il risultato dell’intero esercizio 2019 è atteso superiore rispetto a quello già brillante del 2018. A sua volta l’indice patrimoniale “CET1” al 30 giugno 2019 si è collocato al 12,74%, restando su valori ampiamente positivi nell’ambito del sistema. 
Per quanto riguarda la rete territoriale, nel mese di agosto la filiale di Alba, operativa dal 2017, è stata trasferita in nuovi locali nel pieno centro della città. Sono stati inoltre avviati i lavori preparatori per la prossima apertura della venticinquesima sede, a Verona, grazie alla quale la presenza della Banca si andrà ad estendere in otto regioni italiane. 
Tra le diverse iniziative di approfondimento economico-finanziario organizzate o supportate dalla Banca, si segnala il notevole successo dell’evento “We’reBack” presso il Palazzo ducale di Genova, che ha visto la partecipazione di oltre 700 giovani provenienti da tutt’Italia; il 10 settembre si è tenuto presso la Sede di Genova, con il coordinamento dell’Associazione “Guido Carli” di Roma, il convegno “L’economia europea nel nuovo ordine internazionale” con interventi del già Governatore della Banca d’Inghilterra Lord King of Lothbury, Paolo Savona, presidente Consob, ed altri primari economisti italiani; il prossimo 15 novembre presso il Teatro Carlo Felice di Genova si svolgerà la sesta edizione degli Incontri di economia e finanza “Agostino Passadore” che vedrà dibattere, con la moderazione di Ferruccio De Bortoli, alcuni esponenti di spicco - tra cui il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti, il Sindaco di Genova Marco Bucci e il professor Carlo Cottarelli - su temi legati allo sviluppo delle grandi aree urbane, con una specifica riflessione dedicata al caso di Genova.

(riproduzione riservata)