Share |

Prosegue il rapporto di Alcantara con il mondo dell'arte

Nove viaggi nel tempo allo Yuz Museum di Shanghai


24/06/2019

Yuz Museum di Shanghai

Sarà aperta al pubblico dal 03 luglio al 07 ottobre allo Yuz Museum di Shanghai la mostra “Nove viaggi nel tempo” organizzata in collaborazione con Alcantara e già esposta a Palazzo Reale di Milano nell'aprile 2018 con una configurazione diversa, ideata e co-curata da Davide Quadrio e Massimo Torrigiani. 
Prosegue così il rapporto di Alcantara, primario esempio di eccellenza made in Italy a livello internazionale, con il mondo dell’arte. "Nine Journeys Through Time" – questo il titolo originale dell’esposizione – offre una combinazione eccezionale di nove talenti (Aaajiao, Andrea Anastasio, Caterina Barbieri, Krijn de Koning, Li Shurui, Alex Schweder, Chiharu Shiota, Iris van Herpen, and Zeitguised) che, con approcci artistici diversi, esprimono le loro visioni attraverso nove progetti in vari linguaggi artistici. Dalla trasfigurazione della pittura alla moda, dal design digitale alla musica, tutti traggono ispirazione dalle specificità di un mezzo unico: Alcantara, analizzando tutte le sue varie declinazioni e potenzialità, esplorando i suoi processi di invenzione e produzione, lavorando con tecnici ed esperti, lungo percorsi indipendenti o attraverso progetti di collaborazione innovativi. Ognuno di loro ha escogitato un lavoro site-specific, inizialmente dialogando con il Palazzo Reale di Milano, a sua volta un ambiente carico di grande energia creativa: un trampolino di lancio per viaggi che vanno da laboratori di scienza anomala, anaconde, mutazioni, sinusoidi, apparizioni oracolari, dal naturale all’artificiale e viceversa, corridoi psichedelici e metronomi bizzarri. Tutta questa energia è mutata e trasformata nella principale sala espositiva del Museo Yuz a Shanghai. 
Il filo conduttore che tiene insieme i lavori è innanzitutto il "tempo" in quanto è il risultato del dialogo tra artisti e materiali, artisti e luoghi, artisti e curatori. In questo caso, l'effetto originale che l'Appartamento del Principe ha creato, ha portato gli artisti a una riflessione sulle varie dimensioni del tempo: sul "nostro" tempo, la dimensione quotidiana, pratica e breve, opposta (o complementare) al tempo scientifico, dilatato e impercettibile. 
L'esperienza di Yuz Museum aggiungerà una forte sensazione di spazio e architettura in cui i collegamenti tra le opere d'arte saranno altamente performativi e interattivi, lasciando al pubblico il piacere di sperimentare in modo molto ludico e profondo. 
Insieme al tema del tempo e grazie allo spostamento di spazio e tempo (Milano contro Shanghai, tempo contro architettura), diverse prospettive emergono nella mostra, che evidenzia il rapporto tra naturale e artificiale, tra prodotti e natura, tra noi umani e ciò che è diverso da noi. Questa mostra non mira solo a come gli artisti esplorano e superano i confini dell'arte, ma consente anche agli spettatori di continuare a pensare ai fattori che influenzano le creazioni degli artisti. Inoltre, sorgono altre domande, come il modo in cui la cooperazione interdisciplinare sta ampliando le possibilità della creazione artistica, e che aspetto ha l'arte più autentica. 
"Nine Journeys Through Time" è progettato per fornire un viaggio esperienziale, da intraprendere da spiriti disposti a lasciarsi avvolgere da un senso di meraviglia. Ogni ambientazione risulta essere una sorpresa che ci proietta in una sequenza di dimensioni spazio-temporali diverse e coinvolgenti. Un'esperienza sofisticata, a tratti astratta ma mai fuori portata, che ci respinge tra mondi in cambiamento e sorprendenti esperienze estetiche.

(riproduzione riservata)