Share |

Anche i semafori italiani stanno per diventare intelligenti. Partita la rivoluzione del "countdown"

Lo prevede un decreto, diventato legge, che rende obbligatoria la segnalazione del conto alla rovescia sui tempi di attesa


08/01/2018

Come già succede in diversi altri Paesi europei e non solo, anche in Italia i semafori stanno per cambiare volto. Nel senso che, dopo anni di discussioni, è diventato obbligatorio il countdown, la qual cosa consentirà di conoscere quanto tempo si ha a disposizione per poter attraversare la strada o a quanto ammonta il tempo di attesa in auto prima di poter ripartire. 
È infatti entrata in vigore la disposizione contenuta nel Decreto legge del 27 aprile 2017, voluta dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, che regola l’installazione dei nuovi dispositivi e la regolazione del conto alla rovescia degli impianti semaforici. Fermo restando il fatto che alcuni Comuni, in via sperimentale, avevano già adottato questo nuovo sistema per testarne le reazioni. 
Più in particolare la nuova legge regola “le caratteristiche per l’omologazione e per l’installazione di dispositivi finalizzati a visualizzare il tempo residuo di accensione delle luci dei nuovi impianti semaforici”, una legge che obbliga all’adeguamento i vecchi impianti in modo che vengano resi conformi alle nuove esigenze. La qual cosa eviterà gli abusi dei soliti furbetti, anche perché sono previste sanzioni pesanti: le multe partono infatti da 162 euro e comporteranno la detrazione di almeno sei punti dalla patente.  Complice un servizio di telecamere che provvederà, in caso di infrazione, alla registrazione della targa e all’individuazione del proprietario dell’automobile.

(riproduzione riservata)