Share |

Come risparmiare 815mila kilowattora di energia all’anno evitando emissioni pari a 330 tonnellate di CO2. Succede a Crevalcore, in provincia di Bologna


02/04/2021

Hera Luce, società del Gruppo Hera che gestisce il servizio di illuminazione pubblica a Crevalcore (Bologna), in seguito a un accordo sottoscritto in questi giorni con l’Amministrazione comunale, inizierà a breve la riqualificazione complessiva straordinaria di questo servizio. 
Un intervento, secondo il sindaco Marco Martelli, “fortemente voluto e al quale abbiamo lavorato per parecchi mesi con i tecnici di Hera Luce. Questa riqualificazione ha infatti una duplice valenza: la prima ambientale, in quanto il risultato di un minor consumo di energia si tradurrà in una mancata emissione in atmosfera di molte tonnellate di CO2; la seconda economica, in quanto si produrrà, anche se non nell’immediato, un importante risparmio per le casse comunali”. 
 L’Amministrazione precedente aveva aderito al Patto dei Sindaci per il Clima e l’Energia, che prevede una riduzione delle emissioni di CO₂ in atmosfera pari al 40% entro il 2030. “A noi spetta pertanto il compito di mantenere gli impegni assunti, e questa operazione va in questa direzione. Se vogliamo infatti che cresca nei nostri concittadini un’idea diversa di ambiente, un pensiero di comunità che si sviluppa nel rispetto del mondo che ci circonda, e nel rispetto delle generazioni che seguiranno, l’esempio deve partire proprio da noi, dal pubblico”. 
Gli interventi seguiranno un programma preciso e riguarderanno la maggior parte degli impianti. S’inizierà dai rilievi dello stato di fatto per passare alla progettazione esecutiva e infine alla realizzazione delle opere, per consentire una migliore resa e l’ottimizzazione dei consumi, garantire un incremento della sicurezza percepita dai cittadini e raggiungere alti valori di affidabilità. 
Al termine dei lavori, che dovrebbero iniziare indicativamente prima dell’estate, si otterrà un risparmio annuale di energia pari a circa 815.000 kilowattora rispetto allo stato iniziale degli impianti, dato che corrisponde al consumo medio annuale di circa 300 appartamenti. In termini di impatto ambientale, saranno risparmiate oltre 150 TEP (Tonnellate Equivalenti Petrolio) all’anno, pari alla mancata emissione in atmosfera di quasi 330 tonnellate di CO2.

(riproduzione riservata)