Share |

Concorsone in Rai: sta per partire la ricerca di 93 giornalisti

La selezione avverrà su base regionale. Nessuna corsia preferenziale per i “perugini”, mentre gli idonei del 2014 restano nel limbo


17/06/2019

Il Consiglio di amministrazione della Rai ha dato il via libera a un nuovo concorso per l’assunzione di 93 giornalisti. L’amministratore delegato, Fabrizio Salini, su richiesta del board - e del consiglio sindacale - ha infatti verificato le reali carenze d’organico, a partire dalle sedi regionali (quelle dove si registrano le maggiori sofferenze), oltre a tenere conto degli esodi previsti nei prossimi tre anni e mezzo.
Per quanto riguarda gli studenti della scuola di giornalismo di Perugia - stiamo parlando di una settantina di diplomati nell’ultimo triennio in attesa di collocazione - non sembra possano beneficiare di una corsia preferenziale. Ma tutto è ancora in divenire. Brutte notizie, infine, anche per i cosiddetti “idonei” del precedente concorso del 2014. Anche loro - secondo quanto sondato da Lo specialista.tv - sembra che non verranno presi in considerazione dall’azienda. 
Questa stessa testata ha accennato anche al futuro legato ai cosiddetti lavoratori atipici della Rai. Ovvero quelli che hanno la qualifica di programmista regista, specialista web, tecnico di produzione, assistente alla regia, operatore di ripresa, montatore, consulente musicale e così via… 
“Tutti contratti di lavoro autonomo (partite Iva) che - qualora volessero - potranno provare a trasformare in un lavoro a tempo indeterminato. In Rai si racconta di una selezione interna da avviare entro l’estate 2019 con il controllo delle candidature ricevute. Tra settembre e ottobre è comunque previsto l’avvio delle prove selettive con l’obiettivo di chiudere la partita entro l’anno”.

(riproduzione riservata)