Share |

Coronavirus: Centro Computer commercializza un dispositivo che rileva la temperatura corporea delle persone senza l’ausilio umano

Con la soluzione EN7-S02T si rafforza l’offerta di apparati IoT con congegni dotati di piedistallo da posizionare in uffici, luoghi pubblici, scuole e stazioni di ingresso, per verificare la temperatura e/o la presenza della mascherina su ogni persona in transito


15/04/2020






























Centro Computer, società di consulenza specializzata in prodotti, servizi e soluzioni IT per le aziende, avvia la commercializzazione del dispositivo EN7-S02T di Ganz® Security, leader nella progettazione, sviluppo e produzione di soluzioni di sicurezza di alto livello, supportando le imprese che, per garantire la tutela di lavoratori e persone in ingresso o transito presso le proprie strutture, inizieranno la rilevazione della temperatura corporea, alla ripresa delle normali attività. 
Ganz è un marchio registrato del gruppo CBC Europe, parte integrante della rete globale di aziende di produzione, import, export, trading e distribuzione del Gruppo CBC con sede a Tokyo, e 30 sedi commerciali e produttive ubicate nei vari continenti. 
Il prodotto EN7-S02T è un sistema all-in-one di misurazione della temperatura corporea ad alte prestazioni e affidabilità, il cui software può essere configurato su qualunque PC windows che si integra nel sistema di controllo accessi tramite il protocollo Wiegand 26/34/66 e l’utilizzo della rete aziendale. È dotato di tecnologia di imaging termico a infrarossi e algoritmi di deep learning, con velocità di riconoscimento e precisione di acquisizione delle informazioni del volto tramite scansione. La temperatura del corpo umano ed eventuali stati febbrili vengono rilevati durante il riconoscimento facciale anche in caso di utilizzo di mascherine e occhiali. 
EN7-S02T è ideale per l’utilizzo in luoghi pubblici, come ingressi di aziende di medie e grandi dimensioni, i negozi, le stazioni o scuole, e consente la rilevazione della temperatura corporea, o la presenza della mascherina sul volto della persona, senza l’archiviazione di dati sensibili, nel rispetto della Privacy vigente. È altrettanto idoneo all’integrazione nei sistemi di controllo accessi del personale in azienda per consentire l’adeguamento al DPCM di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro emanato il 14 Marzo 2020, Art.2, che prevede che “…il personale, prima dell’accesso al luogo di lavoro potrà essere sottoposto al controllo della temperatura corporea”.


L’EN7-S02T, a differenza degli strumenti tradizionali per il rilevamento della temperatura corporea che devono essere tenuti in mano dal personale addetto, può essere installato grazie a una gamma di accessori e piedistalli forniti a corredo, così da consentirne l’utilizzo senza l’ausilio umano. Registra automaticamente temperature elevate e conteggia gli eventi di rilevazione, supporta database da 30.000 facce con velocità di riconoscimento pari a 200 ms garantendo il traffico regolare in zone ad alta densità. Il dispositivo prevede l’upload di dati via rete per la gestione delle immagini, il cui sistema funziona anche in caso di guasto della rete. 
Centro Computer, propone il prodotto sia con acquisto diretto sia attraverso un servizio di Fleet Management, la soluzione che integra i vantaggi dell’acquisto tradizionale con quelli della locazione operativa, per gestire con un unico contratto l’intero parco dei posti di lavoro con assoluta modernità, flessibilità, semplicità ed efficienza. L’EN7-S02T, disponibile a partire da fine aprile, prevede anche un servizio di installazione e configurazione a cura di Centro Computer. 
“Molte imprese, per garantire la tutela dei propri lavoratori, intraprenderanno la strada della misurazione della temperatura corporea e/o la presenza della mascherina - ha dichiarato Roberto Vicenzi, Vicepresidente di Centro Computer -. La nostra proposta è una delle soluzioni più adottate in molte realtà dove è già presente un sistema di ‘canalizzazione’ delle persone attraverso tornelli, sbarre e vie obbligate. Siamo tutti estremamente sensibili alle problematiche emerse a causa della pandemia e ci stiamo adoperando per poter garantire l’installazione dei nuovi dispositivi, iniziando sin da oggi a soddisfare le molteplici richieste informative che stiamo ricevendo. Numerosi clienti hanno già ordinato il primo prodotto per gestire un POC (Proof of Concept) al loro interno e valutare installazioni multiple, ad esempio, nei grandi magazzini”.

(riproduzione riservata)