Share |

Arrow Electronics e Ibm rivoluzionano le operazioni aeroportuali

La soluzione Smart Airport Asset Management consente di migliorare le prestazioni di scale e tappeti mobili, sistemi di smistamento bagagli e distributori di acqua potabile


17/05/2019

La Arrow Electronics di Bolzano annuncia un’innovativa soluzione IoT per la gestione intelligente degli asset aeroportuali, realizzata in collaborazione con Ibm. Questa soluzione, basata su un sistema di sensori IoT e gateway progettato e fornito da Arrow sulla piattaforma IoT Watson® di Ibm e sul software Maximo® Enterprise Asset Management, offrirà agli operatori un’avanzata visione operativa per ottimizzare la manutenzione delle attrezzature, evitando i tempi morti e migliorando il comfort dei passeggeri. 
Come ha avuto modo di precisare Aiden Mitchell, vicepresidente Arrow per lo IoT questo sistema acquisisce i dati di temperatura, vibrazione e livello del fluido del motore, oltre a quelli delle parti in movimento delle scale mobili, dei tappeti mobili e dei sistemi di smistamento dei bagagli. A loro volta i sensori sui distributori di acqua potabile misurano la temperatura, l’apertura/chiusura delle porte, il flusso e le perdite di acqua per verificarne il corretto funzionamento.  
I dati vengono acquisiti dai sensori connessi ai gateway wireless e quindi consolidati e analizzati sulla piattaforma Watson IoT di Ibm. 
Questa offerta industriale avanzata crea un processo di asset management più efficiente, utilizzando i dati acquisiti per gestire i flussi di lavoro e l’allocazione delle risorse, oltre a permettere di valutare analiticamente lo stato di salute degli asset per gestire la manutenzione programmata e non. 
“Con la gestione dei dati e con le funzionalità di analisi, questa soluzione IoT end-to-end consente di migliorare le prestazioni delle strutture aeroportuali che impattano direttamente sui passeggeri - ha a sua volta sottolineato Adriana Robinson, vicepresidente di Ibm Watson IoT - e permetterà agli addetti della manutenzione di prevedere gli eventuali guasti delle apparecchiature aeroportuali e di mettere in atto i necessari processi di manutenzione proattiva”.

(riproduzione riservata)