Share |

In un anno di crisi luci della ribalta su Alcantara capace, grazie a tecnologia e design, di viaggiare controcorrente


21/12/2020

Alcantara si aggiudica un posto sotto l’albero di Natale. L’azienda guidata da Andrea Boragno, con i suoi prodotti della moda e del design, entra a pieno diritto nella lista dei desideri per le festività anche dei più esigenti. Alcantara, che ha iniziato il suo percorso nell’automotive offrendo un surplus di eleganza e versatilità agli interni delle auto di alta gamma, grazie alla poliedrica strategia aziendale ha ampliato il suo universo produttivo diventando ambasciatrice del made in Italy nel mondo. 
Il fatto di essere artigianato nella espressione più alta, le ha consentito di entrare in ogni settore e personalizzare ogni prodotto. Il Centro per lo Sviluppo delle Applicazioni e il network di aziende con cui collabora, elaborano in continuazione nuovi progetti, in sintonia con i clienti. Alcantara si impone non solo per la forza del brand ma anche per la capacità di stupire ogni volta per le soluzioni originali ed esclusive che propone. 
Alcantara e le sue infinite applicazioni le permettono di rivestire oggetti di utilizzo quotidiano come l’iconico Microsoft Surface, le nuove cuffie MW65 di Master&Dynamic e Automobili Lamborghini e le T1 e T5 realizzate con Beyerdynamic, l’accattivante orologio da polso limited edition 5X di Ressence in collaborazione con Automobili Amos, oltre alle mascherine protettive disegnate da quattro artisti internazionali per il Museo Maxxi di Roma. Strizzando l’occhio al mondo del fashion troviamo la limited edition di scarpe prodotte da Vans in collaborazione con l’Art de Automobile, le colorate Tote bag dell’affermata stilista Paula Cademartori in collaborazione con Vogue Italia e la capsule collection AI20/21 firmata Lanvin Collection/Lanvin en Blue. 
Sognando in grande Alcantara veste le poltrone dell’Egyptian Theatre di Hollywood, gli interni di uno yacht pronto a salpare per destinazioni esotiche, le first class della Singapore Airlines per viaggiare oltreoceano, ma anche la super sportiva Bugatti Divo per un week end adrenalinico. 
Alcantara, sempre pronta a nuove sperimentazioni, da anni collabora con le maggiori Istituzioni museali di tutto il mondo, come il Maxxi di Roma, Palazzo Reale a Milano e lo Yuz Museum di Shanghai.numerosi artisti e designer di fama internazionale qualiNanda Vigo, Qin Feng Sun Xu, Mao Lizi, Alberto Biasi, Giulio Cappellini, Marcel Wanders, Formafantasma, Konstantin Grcic , solo per citarne alcuni, hanno sposato il materiale del futuro per realizzare opere impattanti che oggi viaggiano in tutto il mondoIl rapporto con il mondo dell’arte ha caratterizzato il percorso di Alcantara ed è diventato parte integrante della sua strategia di business. 
Ma l’aspetto più accattivante per un designer è di avere tutto tailor-made, cioè realizzato esclusivamente per dare corpo al singolo progetto anche se sulla carta sembra impossibile. 
Un regalo di questo brand significa anche dare un contributo all’ambiente. Già in tempi non sospetti, quando la sostenibilità era una espressione da salotto, l’azienda guidata da Andrea Boragno era impegnata in questo mondo. E’ stata nel 2009 la prima azienda in Italia, e tra le primissime nel mondo, a ottenere la certificazione di Carbon Neutrality, obiettivo conseguito grazie alla misurazione, riduzione e compensazione delle emissioni di C02 dalla culla alla tomba, includendo non soltanto il processo produttivo, ma anche le fasi di utilizzo e smaltimento del prodotto stesso. Essere Carbon Neutral, infatti, significa avere il bilancio netto di emissioni di C02 pari a zero e per questo motivo ogni metro di Alcantara prodotto non ha impatto sul riscaldamento globale. 
Da compagna di viaggio delle case automobilistiche a brand utilizzato da numerosi settori merceologici, posizionandosi sempre al top di gamma, il viaggio di Alcantara è stato lungo e interessante e continua ancora. Ha chiuso il 2019 (al 31.3.20) con un fatturato di 203,6 milioni di euro e un Ebitda incrementata a 67,4 milioni di euro, pari al 33,6%.

(riproduzione riservata)