Share |

L'Italia apre le porte alla Blockchain

Dal 25 al 30 giugno Roma diventa la capitale dell’universo dedicato alle criptovalute


03/06/2019

di Damiano Pignalosa


Criptovalute, Bitcoin, nodi, exchange, blockchain. Fino a pochi anni fa sembravano delle parole in codice senza nessun senso e invece, in poco tempo, stanno rivoluzionando il nostro modo di vedere e analizzare il mondo, con la maggior parte degli addetti ai lavori convinti sempre di più del fatto di essere solo all’inizio della vera rivoluzione digitale.
I fari sono puntati sulla divulgazione e sull’adozione consapevole di queste tecnologie capaci in un attimo di rendere possibile quello che poteva sembrare impossibile, dando le chiavi di questa fuoriserie in mano a chi avrà il coraggio di intraprendere questo viaggio fatto ancora e purtroppo di enormi buchi normativi che ne limitano il potenziale. Gli italiani, popolo di santi, poeti e navigatori, si riscoprono in prima linea nella crescita di questo settore, almeno per quello che riguarda le realtà aziendali. Se da un lato è vero che il 20% degli italiani è informato su cosa sia la Blockchain, il restante 17% ne ha sentito parlare ma non sa bene di cosa si tratti e il 62% non l’ha mai sentita, quando si parla di imprese il discorso cambia e anche di molto calcolando che la percentuale di chi conosce la tecnologia sale all’85%, con appena il 4% dei manager che non ne ha mai sentito parlare.
Solo nel 2018 il volume degli investimenti finanziari in questa tecnologia a livello mondiale ha raggiunto il record di 2,85 miliardi di dollari per una crescita annua del 316%, laddove nel 2017 gli investimenti erano arrivati a quota 900 milioni di dollari. Secondo un’indagine condotta da Cefriel-Ibm, la spesa italiana è allineata a quella europea: i 162 milioni di euro del 2017 diventeranno 3,07 miliardi nel 2022, mentre a livello mondiale si passerà dai 900 milioni di dollari circa del 2017 a 12,4 miliardi di dollari entro il 2022 con un tasso di crescita annuo del 76%.
Uno dei problemi, soprattutto per il nostro Paese, resta quello della divulgazione. Sempre di più si susseguono meeting esplicativi in ogni angolo della penisola, uno su tutti è quello che avrà come palcoscenico Roma con il compito di aprire le sue porte millenarie alla Blockchain Week che si terrà dal 25 al 30 giugno, con quello che è stato già ribattezzato come il più grande evento in Italia dedicato alle criptovalute e alla Blockchain. Per la prima volta nel nostro Paese, ospiti provenienti dalle più importanti aziende al mondo del settore come Binance, Tron e Zcash, si uniranno ai rappresentanti delle istituzioni e alla community italiana, dando vita ad una serie di panel, conferenze, momenti dedicati al networking, esposizioni e dibattiti.
Per stimolare il pubblico le prime tre giornate dell’evento, dal 25 al 27 giugno, ospiteranno il corso Blockchain Intensive: 21 ore di formazione con esperti del settore dedicate a chi non ha ancora acquisito alcuna competenza in questo ambito e a chi desidera consolidare le proprie conoscenze di base. Una scelta che sembra la più saggia proprio per partire dalle basi spiegando tutte le possibilità che offre questo mondo che sembra proiettarti in un futuro che in realtà è già presente. Le altre tre giornate della Blockchain Week Rome, dal 28 al 30 giugno, ospiteranno il Blockchain Summit, un intero weekend dedicato a conferenze, networking, esposizioni, panel e dibattiti. Sul palco dell’evento si susseguiranno alcuni dei più autorevoli esperti del panorama internazionale e nazionale, come Mariana Gospodinova, Head of operations di Binance, e Paige Peterson, responsabile di User Education & Community di Electric Coin Company (Zcash).
Il futuro è oggi e gli strumenti sono sempre di più alla portata delle persone che vogliono rendere un’idea astratta qualcosa di reale e concreto. Si parla sempre dei lavori che spariranno e mai di quelli che sostituiranno i vecchi. Blockchain è proprio questo, un sistema di validazione e scambio di informazioni tecniche, finanziarie e capacitive alla portata di ogni progetto e di ogni sistema di sviluppo, dal più semplice al più complesso. Finalmente anche l’Italia si muove in questo senso e l’evento di Roma è senza alcun dubbio un’opportunità di crescita per tutti. Allacciate le cinture, Cryptoland apre le porte…

(riproduzione riservata)