Share |

La startup pugliese Hrcoffee "sposa" un programma Ibm per sviluppare un nuovo ecosistema


22/07/2019

Davide de Palma

Hrcofee, con sede a Molfetta, partecipa al programma Ibm ideato per sviluppare un ecosistema innovativo con l’obiettivo di agevolare i processi della trasformazione digitale nelle organizzazioni. La giovane startup – recentemente costituita da Davide De Palma, Maria Cesaria Giordano e Dario Nuccetelli, assieme a Exprivia|Italtel nell’ambito del proprio programma di Open Innovation - punta allo sviluppo dell’intelligenza cognitiva delle imprese, con una metodologia bottom-up in grado di raccordare gli obiettivi dei singoli con quelli aziendali, attraverso l’analisi dei big data prodotti in azienda elaborati con algoritmi di intelligenza artificiale. 
“Essere nel programma ‘Startup with Ibm’ - spiega il ceo Davide De Palma - ci permetterà di sviluppare ulteriormente le nostre idee sui sistemi di People Analytics. Lavoriamo già con l’intelligenza cognitiva, ma la tecnologia ‘Ibm Watson’ è certamente uno dei più importanti strumenti di intelligenza artificiale in grado di migliorare la nostra comprensione dei processi cognitivi. Siamo certi di essere sulla strada giusta: Ibm segue di pochi mesi il riconoscimento che lo scorso 13 dicembre Hrcoffee ha ricevuto come finalista alla World Open Innovation Conference, promossa dall’Università di Berkeley che premia le migliori Startup globali con forte carica disruptive”. 
Davide e Maria Cesaria puntano in alto partendo dal basso: il loro approccio bottom-up cablato nella omonima piattaforma software parte dalle risorse che “abitano” un’azienda, le pone in connessione e permette loro di comunicare, esprimere bisogni, soft skills e talento, garantendo un ampio insieme di report che la funzione Risorse Umane troverà indispensabili per la conoscenza delle persone.

(riproduzione riservata)