Share |

Le imprese italiane regine in Europa nella richiesta di brevetti

Lombardia, Emilia Romagna e Veneto intercettano il 60% delle domande. Boom della Basilicata (+600%)


09/03/2018

Le domande di brevetti provenienti dall’Italia e indirizzate all’Ufficio Europeo dei brevetti, ovvero l’European Patent Office (Epo) con sede a Monaco di Baviera, sono aumentate del 4,3% nel 2017 rispetto all’anno precedente. Un risultato migliore rispetto alla media dei 28 Paesi europei che si è fermata a +2,6%. Lo scorso anno le società italiane e gli inventori hanno inviato 4.352 richieste di brevetto a Epo contro le 4172 del 2016, confermando così il trend positivo per il terzo anno consecutivo, dopo il calo del periodo 2011-14. Con il 2,6% di tutte le domande, l’Italia si piazza al decimo posto tra i Paesi più attivi nelle richieste a Epo. 
Nel complesso, European Patent Office ha ricevuto quasi 166.000 domande nel 2017, con un incremento del 3,9% rispetto all’anno precedente che rappresenta un nuovo record. Per la prima volta l’elevato numero di richieste arrivate dalla Cina (+16.6%) ha di fatto incluso il gigante asiatico (a spese della Svizzera) nella top five dei Paesi (Stati Uniti, Germania, Giappone, Francia) più attivi. 
“In termini di domande per brevetti, il 2017 è stato un anno positivo per l’Europa - ha dichiarato il presidente di Epo, Benoît Battistelli -. L’aumento delle richieste di brevetti europei conferma che il Vecchio Continente rimane un mercato tecnologico di interesse primario. Mai come lo scorso anno le imprese europee hanno inviato un numero tanto cospicuo di domande di brevetto, segno tangibile del loro potenziale innovativo e della fiducia che ripongono nei nostri servizi. European Patent Office infatti ha risposto con successo all’aumento della domanda attraverso procedure efficienti che hanno aumentato produzione, produttività e puntualità. Allo stesso tempo, siamo riusciti a migliorare la qualità dei nostri prodotti e servizi offerti e abbiamo continuato a ridurre la quantità di lavoro arretrato. Tutto il personale di European Patent Office dovrebbe essere elogiato per gli sforzi straordinari compiuti nel 2017, anno che ci ha accompagnato verso i migliori risultati di sempre”. 
Movimentazione (sistemi di trasporto nel quale possono venire inclusi anche i container), Trasporti e Tecnologia medicale rappresentano i tre settori tecnologici con il più alto numero di domande di brevetto provenienti dall’Italia. Tuttavia la crescita più accentuata tra tutti i nostri settori tecnologici è quella proveniente dai cosiddetti “Sistemi di misurazione” (+31%), seguita da “Macchine tessili e della carta” (+23%) e dal “Farmaceutico” (+18%). Con 60 domande, Ansaldo Energia è risultata la società italiana più attiva, seguita da G.D (54 domande), Fiat Chrysler (42) e Pirelli (40). 
Da notare che le imprese che hanno presentato più domande in assoluto provenienti dall’Italia, come ad esempio STMicroelectronics Nv, non appaiono in questa classifica perché non hanno sede legale nel nostro Paese.

(riproduzione riservata)