Share |

Nasce a Novara il Polo del Well Living

Servizi ad elevato valore aggiunto a misura di individuo nella città laboratorio


05/10/2020

La proposta è venuta dal Presidente del Piemonte, Alberto Cirio, durante il talk show conclusivo della prima fase del Forum del Futuro Quotidiano, organizzato da Comoli Ferrari, il più importante distributore di soluzioni per l’impiantistica ancora totalmente italiano. 
“Torino capitale dell’auto e Novara capitale della casa, disse Cirio in quell’occasione, vuol dire che la nostra regione è in grado di investire su due beni primari delle persone. Lanciamo allora un Piemonte che sa innovare sull’auto a Torino e sulla casa a Novara: un percorso intelligente che dia ricchezza e posti di lavoro.” 
A Novara hanno colto al balzo la proposta del Governatore e il sindaco Alessandro Canelli ha riunito in Comune la Regione, Confindustria Novara Vercelli Valsesia, l’Università del Piemonte Orientale, la Asl, l’Ospedale Maggiore, la Fondazione Banca Popolare di Novara e Comoli Ferrari per una consultazione volta a costituire il comitato promotore del progetto. 
L’opportunità di creare un polo che abbia non solo la casa ma un nuovo standard di quotidiano è stata illustrata da Giuliano Noci, prorettore del Politecnico di Milano e autore del white paper sull’evoluzione della filiera impiantistica alla base di questo progetto. “La casa esprime un portato di valori e di funzioni d’uso che è straordinariamente ampio; il tema è che la casa non è strutturata per questo e in alcuni casi strutturalmente inadatta. Ma in questo le tecnologie possono giocare un ruolo chiave.” 
Matteo Marnati, l’assessore regionale competente, ha confermato l’impegno della Regione evidenziando come Novara abbia la dimensione ideale per diventare il laboratorio in cui sviluppare questi progetti e contribuire a utilizzare al meglio i fondi europei che lo sviluppo di soluzioni innovative può ricevere. 
Roberto Moriondo, direttore generale del Comune di Novara, ha messo immediatamente la sua esperienza nell’attivazione di progetti tecnologicamente avanzati per la definizione di un progetto che individui e focalizzi differenti tipologie d’uso per differenti utenti, dai single, alle famiglie, agli studenti, ai professionisti, al retail. 
Plauso dai vertici delle istituzioni Gianni Filippa per Confindustria, Gian Carlo Avanzi e Chiara Morelli per UPO, Mario Minola per l’Azienda Ospedaliero Universitaria, Franco Zanetta per la Fondazione BPN, Federico Perugini, consigliere regionale. 
“Due ore intense di confronto e condivisione - ha sottolineato in chiusura Paolo Ferrari, AD di Comoli Ferrari che ha innescato il processo organizzando Il Forum del Futuro Quotidiano - Sono molto compiaciuto che la nostra iniziativa stia sviluppando queste ricadute. In particolare poiché abbiamo messo sempre al centro l’individuo e pensato alla tecnologia al suo servizio. Abbiamo proposto all’amministrazione comunale di individuare un edificio di edilizia popolare su cui calare un progetto di recupero che tenga conto in primis delle esigenze sanitarie (col Covid è d’obbligo), dell’attenzione ai figli e all’istruzione cominciando dal dopo scuola, quindi il lavoro.” 
Durante il Forum sono state approfondite le tematiche relative alla digitalizzazione con particolare attenzione all’impatto sull’Economia (coordinata da Carlo Alberto Carnevale Maffé, SDA Bocconi), sul Lavoro (con Maurizio Melis, Radio 24), sui Luoghi (con Gianni Massa, CN Ingegneri) e sulla Vita (con Fabio Sottocornola, Corriere della Sera).

(riproduzione riservata)