Share |

Nel 2017 boom per le imprese femminili grazie a turismo, cura delle persone e supporto aziendale


07/03/2018

Donne d’impresa crescono. A fine 2017 sono state quasi 10mila in più le imprese femminili iscritte al Registro delle Camere di commercio rispetto all’anno precedente, quasi 30mila in più rispetto al 2014. Con questo aumento costante, l’esercito di oltre un milione e 331mila attività produttive a conduzione femminile rappresenta oggi il 21,86% del totale delle imprese (era il 21,76% l’anno precedente). 
Come mostrano i dati elaborati dall’Osservatorio per l’imprenditorialità femminile di Unioncamere e InfoCamere, il tessuto imprenditoriale guidato da donne sceglie forme più strutturate d’impresa. Le società di capitali condotte da donne, infatti, sono aumentate di quasi il 17% nel 2017 rispetto a tre anni prima arrivando a rappresentare oltre il 21% di quelle al femminile, mentre le società di persone e le imprese individuali, che restano comunque la forma giuridica più diffusa nell’universo imprenditoriale femminile, si stanno progressivamente riducendo. 
Sono 14 su 20 le regioni in cui si ingrossano le file delle capitane d’impresa. La crescita più consistente si concentra, in realtà, in quattro: Sicilia, Lazio, Campania e Lombardia. A dicembre 2017, rispetto a dicembre 2016, lo stock in questi territori segna un aumento complessivo di oltre 8mila attività. 
Quasi la metà del saldo complessivo si deve all’aumento di quelle attive nel settore turistico e in quello delle altre attività dei servizi, all’interno delle quali l’apporto più consistente viene dai servizi alla persona. In termini percentuali, però, e in alcuni casi con una buona presenza di imprese guidate da giovani di meno di 35 anni, sono le attività professionali, scientifiche e tecniche ad aumentare di più rispetto al 2016 (+3,8%). Bene, ad esempio, il noleggio, le agenzie di viaggio e i servizi di supporto alle imprese (+3,2%, al cui interno i saldi maggiori sono quelli dei servizi di manutenzione di edifici e cura delle aree verdi e di supporto alle imprese, tra cui l’organizzazione di convegni e altre attività di servizio), la sanità e l’assistenza sociale (+3,4%), l’Istruzione (+2,8%) e le attività artistiche, sportive e di intrattenimento (+2,2%). 
Quest’ultimo settore, peraltro, è uno degli ambiti in cui, all’interno dell’universo femminile dell’impresa, si fa sentire maggiormente la presenza di giovani capitane d’azienda. Infatti, le oltre 170mila aziende guidate da under 35 “pesano” mediamente il 12,78% sul totale dell’universo femminile. In alcuni ambiti, però, la loro incidenza è ben maggiore. È il caso, appunto, delle Attività artistiche, sportive e di intrattenimento, in cui le giovani imprenditrici sono quasi il 15% delle imprese femminili del settore. L’apporto delle giovani al tessuto imprenditoriale sale addirittura al 18% nel caso delle Attività finanziarie ed assicurative, è intorno al 17% nelle altre attività dei servizi e nell’alloggio e ristorazione, sfiora il 14% nel noleggio, agenzie di viaggio e servizi di supporto. (T.R.)

(riproduzione riservata)