Share |

Presentato a Bruxelles il Manifesto 2019-2024 degli European Ceramic Days


06/12/2018

Si è svolta a Bruxelles, presso il Parlamento Europeo, “The European Ceramic Days”, la serie di eventi che ogni anno riuniscono rappresentanti dell'industria europea della ceramica insieme a funzionari e responsabili delle politiche dell'Unione europea, favorendo il dialogo tra l’industria ceramica europea e le istituzioni comunitarie. 
Il tema di quest’anno? L’industria ceramica come agente di cambiamento positivo in un contesto internazionale mutevole: dalla qualità dei prodotti e dei processi fino all'attenzione per l’ambiente, l’industria europea della ceramica contribuisce con forza a un futuro prospero e sostenibile per tutti i cittadini europei, evolvendosi e innovandosi costantemente. 
Tra i vari appuntamenti, l’evento più rilevante è stata la 19a edizione dell’European Parliament Ceramics Forum (Epcf), l’intergruppo parlamentare dedicato alla ceramica europea, i cui lavori sono stati aperti dal parlamentare e presidente Epcf Inmaculada Rodríguez-Piñero. La delegazione italiana era formata da Giovanni Savorani (presidente di Confindustria Ceramica), Alfonso Panzani (vicepresidente di Cerame-Unie), Loriano Bocini (presidente EuTeCer) e Roberto Sala (presidente Fepf), insieme al direttore generale dell’Associazione, Armando Cafiero, al vicedirettore generale Luciano Galassini e ad Andrea Contri. 
Durante “The European Ceramic Days” si è svolta anche l’Assemblea generale di Cerame-Unie, l’Associazione europea dei produttori di ceramica. 
Infine, in vista delle prossime elezioni europee, Cerame-Unie ha consegnato il suo Manifesto per il quinquennio 2019-2024 alla presidenza austriaca dell'Unione Europea, all’interno del quale vengono esposte le principali priorità del settore relative a Industria, Clima, Commercio, Consumatori e Ricerca e Sviluppo.

(riproduzione riservata)