Share |

Samo, la voglia del bagno d'autore vale quasi 100 milioni

Il Gruppo veronese - forte di quattro stabilimenti e una cinquantina di brevetti - è presente in 120 Paesi


05/10/2020

Denis Venturato

Si fa presto a dire bagno. Ma questa zona della casa spesso considerata di secondo piano, può diventare un’esperienza importante del living. È questo l’obiettivo che persegue il gruppo Samo, leader nel settore. 
La storia di Samo Industries, nata nel 2013, è l’intreccio di più storie. Quella di Inda, Samo, Lineabeta e Siro. Da una parte la famiglia Venturato, dall’altra quella di Inda e del mondo del bagno. 
Tutto ha inizio grazie allo spirito imprenditoriale, la passione e la lungimiranza del Cavaliere Orvile Venturato che ha saputo cogliere, prima di tutti, le esigenze del mercato. In un periodo in cui il bagno non era nemmeno presente in tutte le case, decide di investire su questo ambiente, anticipando i tempi, fonda quindi Samo. Era il 1960. 
La capacità di visione e i continui investimenti hanno permesso a Samo di raggiungere un traguardo dietro l’altro, riuscendo sempre ad anticipare le esigenze del mercato, con grande vantaggio rispetto alla concorrenza. 
L’unione con Inda, specializzata negli total living bathroom, ha permesso al Gruppo di diventare leader europeo nel settore dell’Arredobagno. 
Oggi Samo Industries, guidato sempre dalla famiglia Venturato, continua a investire e crescere, proseguendo verso un’unica direzione: rendere unica l’esperienza del bagno. 
Il Gruppo con sede a Bonavigo in provincia di Verona, rappresenta una storia di successo tipicamente italiana. Un’iniziativa imprenditoriale tutta Made in Italy ma di respiro internazionale. Ha mantenuto in Italia le sedi produttive con quattro stabilimenti ma ha un’importante capillarità estera. È presente in 120 Paesi nel mondo. 
Con più di 50 brevetti pone un’attenzione particolare allo sviluppo di nuove tecnologie e strumenti atti ad agevolare i professionisti. 
Per i progettisti, designer, architetti e ingegneri viene messa a disposizione sulla piattaforma BIMobject una vasta gamma di prodotti in formato 2D e 3Dcompatibili con tutti i software e sistemi operativi. 
Il Gruppo ha chiuso il 2019 con un fatturato di 93 milioni di euro che risulta dall'accorpamento dei bilanci consolidati di Inda e di Samo, rinnovando l'ottima performance dell'esercizio precedente, e ha 480 dipendenti diretti. 
Offre un’ampia gamma di prodotti, dalle pareti doccia agli accessori, dai mobili da bagno agli specchi. Il 30 novembre 2019, con l’acquisizione di Lineabeta, Samo Industries ha completato il suo portafoglio prodotti ponendosi come azienda di assoluto primo piano nel mercato dell’arredobagno in Italia e in Europa. 
“All'interno della strategia generale del nostro Gruppo, l’acquisizione di Lineabeta ha rappresentato uno step fondamentale e decisivo diretto alla creazione di un vero e proprio "polo di riferimento" per il design italiano nel settore arredo bagno”, afferma il presidente Denis Venturato. 
Samo ha grande attenzione per l’ambiente. Investe in nuove tecnologie, con l’obiettivo di non impattare sull’ambiente. Dolomiti Energia fornisce al Gruppo il 100% di energia pulita certificata proveniente da fonte rinnovabile grazie all’annullamento di Garanzie di Origine (GO). La Garanzia di Origine (GO) è una certificazione elettronica che attesta l’origine rinnovabile delle fonti utilizzate dagli impianti qualificati IGO. 
Tutti i packaging vengono marchiati con il punto verde che va ad identificare un sistema di smaltimento ecologico degli imballi. 
Samo guarda all’ambiente con sempre più rispetto: il progetto Save Water impatta sulla tecnologia e sull’innovazione, ma non sull’ambiente. (L.D.P.)

(riproduzione riservata)