Share |

SentinelOne acquisisce Scalyr per rivoluzionare la piattaforma XDR e le analisi di sicurezza


03/03/2021

SentinelOne, fornitore di una piattaforma automatizzata di cybersecurity, ha annunciato l’acquisizione di Scalyr, leader nell’analisi dei dati su scala cloud-native. Con questa acquisizione, SentinelOne può associare, ricercare e agire su tutti i dati da qualsiasi sorgente, offrendo la piattaforma XDR integrata più avanzata del settore per la mitigazione delle minacce in tempo reale, in azienda e nel cloud. 
Attraverso questa acquisizione, SentinelOne definisce l’andamento del mercato XDR e risolve una delle più grandi sfide nella fornitura di una piattaforma completamente integrata: rileva i dati operativi e agisce sugli stessi in tempo reale. Secondo Gartner, “costruire una XDR efficace è molto più complesso di quanto si possa immaginare. L’incompletezza dei dati raccolti, così come i loro formati, le API comuni e i prodotti costruiti su strutture di database legacy, rendono difficile l'integrazione degli strumenti di sicurezza anche all'interno del portfolio prodotti dello stesso fornitore (Innovation Insight for Extended Detection and Response, Gartner, March 2020).” 
La piattaforma SaaS di Scalyr, nata in cloud, mantiene ogni promessa. Eliminando dal processo di acquisizione i requisiti legati allo schema dei dati e le limitazioni delle funzionalità di interrogazione, Scalyr può ottenere in tempo reale enormi quantità di dati da dispositivi e applicazioni, consentendo alle organizzazioni di analizzare, interrogare e agire sui dati più velocemente ed efficacemente. La soluzione offre ai clienti di SentinelOne una protezione autonoma dalle minacce, in tempo reale, in tutta l’azienda e nel cloud, funzionalità che gli attuali prodotti di cybersecurity gestiti manualmente non riescono a fornire. 
“Con questa acquisizione risolviamo una delle più grandi sfide del settore legata alla gestione dei dati, per offrire funzionalità XDR completamente integrate. La tecnologia dei big data di Scalyr è perfetta per i settori di utilizzo di XDR, integrando terabyte di dati in più sistemi e mettendoli in relazione alla velocità della macchina per permettere ai responsabili della sicurezza di utilizzare un’intelligenza che autonomamente rileva, risponde e protegge dalle minacce”, ha a sua volta affermato Tomer Weingarten, CEO e Socio Fondatore di SentinelOne.

(riproduzione riservata)