Share |

Si è svolto online il 27° World Ceramics Tile Forum, incontro annuale che riunisce i maggiori produttori mondiali


03/12/2020

Si è tenuta online la 27a edizione del World Ceramics Tile Forum (Wctf), incontro annuale tra i maggiori Paesi produttori di ceramica nel mondo, che ha visto la presenza di Australia, Brasile, Cina, Germania, Giappone, Indonesia, Israele, Italia, Messico, Spagna, Stati Uniti, Turchia, ed Ucraina. L’evento, che tradizionalmente si tiene ogni anno in un paese diverso, in questa edizione 2020 si è giocoforza dovuto tenere “via computer”. Il forum è stata l’occasione per discutere delle principali sfide che il settore deve affrontare, sia dal punto di vista dei singoli Paesi che a livello globale. Tra questi, l’analisi delle tendenze mondiali nella produzione e nel consumo di piastrelle di ceramica, dove gli effetti della pandemia hanno determinato cali su produzione e commercio internazionale. Un tema sul quale gli intervenuti hanno lungamente discusso, sia per cogliere gli effetti della crisi sanitaria nelle diverse aree che sulle prospettive di completo recupero nel periodo post-Covid-19. Altro tema di riflessione di questa edizione è stato l’identificazione dei punti di forza delle piastrelle di ceramica e sulle modalità di corretta comunicazione e promozione delle stesse. A tal proposito è stata presentata agli interlocutori di tutto il mondo, dopo che nell’ottobre scorso avvenne in sede europea, la campagna “Ceramica - Una scelta sicura”, ideata da Confindustria Ceramica e promossa sui mercati europei in collaborazione con Ascer, l’associazione spagnola. La 28a edizione del Wctf si terrà in Indonesia nell’autunno 2021 e sarà organizzata dall’associazione Asaki (Asosiasi Aneka Industri Keramik Indonesia).

(riproduzione riservata)