Share |

TEDx torna al Comunale di Bologna all'insegna della qualità

Dieci speaker accomunati da una grande visione del futuro all'appuntamento più cool dell'anno


16/10/2017

di Andrea di Furia

Entusiasti gli sponsor Asterix, Travel for business, Davines, Maurizio Guermandi, Brian lead e Aster per i biglietti andati sold out già un mese prima dell’evento. Nato 7 anni fa da un'iniziativa di Andrea Pauri per “Diffondere le Idee di Valore che meritano di essere condivise”, Tedx Bologna ritornato al Teatro Comunale di Bologna con INIMMAGINABILE! si annuncia quest’anno di altissimo livello.

 


Non solo perché tra gli ospiti troveremo anche Andrea Accomazzo, ingegnere capo delle Missioni Interplanetarie dell’ESA e direttore di volo della missione“Rosetta”, che ha portato per la prima volta una sonda alla scoperta della cometa Churyumov-Gerasimenko, ma anche perché sono tantissimi i temi trattati in questa nuova edizione, e tutti di grande impatto, come sottolinea il curatore dell’evento Andrea Pauri: “Abbiamo selezionato 10 speaker molto differenti fra loro, ma accomunati da una grande visione del futuro, basata sulla fiducia e la reciprocità. Parlo di persone straordinarie, come Germana Lavagna, co-fondatrice di Refugees Welcome Italia, un progetto splendido che mette in contatto persone che vogliono ospitare rifugiati nelle proprie abitazioni, ridefinendo così il concetto di accoglienza e solidarietà. O come Casey Fenton, fondatore del popolare sito “Couchsurfing” che ci parlerà dell’enorme potenzialità futura del “business della fiducia” e dei progetti sociali, che utilizzano le nuove tecnologie”.
E i restanti otto speaker? Da leccarsi i baffi sotto il naso. A proposito, se non sapete di avere un universo nel vostro naso fatevelo raccontare da Francesca Faruolo l’ideatrice di Smell - Festival dell’Olfatto, rassegna dedicata alla cultura dell’olfatto, che si svolge dal 2010 a Bologna. Arricchire il nostro “linguaggio degli odori” significa integrare un senso raffinato come l’olfatto nei nostri processi cognitivi, oggi relegati alla sola sfera acustico-visiva, e riuscire nell’impresa può portare ripercussioni inimmaginabili, persino sulla qualità della nostra vita, anche creativa, e sul nostro modo di vivere gli ambienti urbani.
Ma forse siete interessati a un altro universo: quello inimmaginabile delle start-up. E allora ecco illustrarcelo Sara Roversi, imprenditrice “seriale” appassionata di food, digital e creative learning. Ha fondato nel 2004 “You can group”, un ecosistema imprenditoriale che alimenta nuove imprese ad alto tasso innovativo, e il “Trust Future Food Institute” per lasciare alle future generazioni un mondo migliore e più sano. Che dire poi della scrittrice e comica Arianna Porcelli con il suo blog umoristico, che perfino nel nome, “Madame Pipì”, è inimmaginabile; o dei risultati inimmaginabili anch’essi di Edoardo Tresoldi, scultore riconosciuto dalla rivista Forbes come uno tra gli artisti under 30 più influenti al mondo, che esplorando la trasparenza attraverso la scultura metallica riesce a rompere la dimensione spaziale sospendendo persino il tempo.
Mentre ampio spazio è dedicato all’inimmaginabile mondo degli smanettoni: Rudy Bandiera, il guru dei social indicato da Wired tra i 50 “italiani da seguire” su Twitter, ci trasporta nello spazio reale-virtuale e ci parlerà dell’inimmaginabile modo di sopravvivere online e offline; mentre Stefano Fratepietro, padre fondatore del progetto DEFT Linux e super-esperto di Cyber Security, insegnerà a difendersi dall’invadenza degli hacker che nel loro mirino non hanno più solo le aziende, ma anche me e te: tecnologicamente sempre più dotati, ma al tempo stesso più vulnerabili, spiabili e truffabili.
E c’è anche un’inimmaginabile ciliegina ‘tecno-evangelica’ sulla torta: Andrea Benedetti, Technical Evangelism Director di Microsoft Italia, presenterà in anteprima nazionale il suo “Spectator Wiew”, una modalità percettiva rivoluzionaria che permetterà di far vivere agli spettatori la stessa esperienza immersiva che si può avere con HoloLens, il primo computer olografico al mondo. Aggiungere al contesto reale contenuti, informazioni e valore sotto forma di ologrammi è il suo scopo e permette di creare un connubio perfetto tra i due mondi: digitale e reale. Così, durante l’intervento, insieme allo speaker il pubblico potrà immergersi in un’esperienza ricca e coinvolgente, dove gli ologrammi entreranno direttamente in scena sul palco.

(riproduzione riservata)