Share |

“Il mondo nuovo”, manuale di educazione civica per contrastare l’odio in Rete e insegnare a tutti come difendersi dagli haters


20/04/2021

di Andrea Bellandi Saladini


Viviamo in un’epoca in cui la tecnologia ha modificato in brevissimo tempo la realtà, trasformandola in qualcosa di nuovo, qualcosa di aumentato, espanso, incredibile. Oggi esistere soltanto in analogico o in digitale significa vivere a metà. L’abbiamo visto prima del lockdown di marzo 2020, dove il digitale non veniva sfruttato appieno, e in tutto il periodo successivo, dove è diventato il principale canale di socializzazione ed espressione di sé. 
Forum, social, gruppi chat, piazze digitali dove incontrare i propri colleghi, amici e parenti. Luoghi dove coesistono tante persone con gradi diversi di consapevolezza dell’uso del digitale, chi per ragioni generazionali, chi per ragioni economiche, chi perché vive in un contesto che non gli permette un accesso pieno e consapevole all’educazione civica digitale che gli servirebbe. È appunto parlando di piazze digitali che si rende necessaria una riflessione sulle tematiche della convivenza online e dei comportamenti civici che troppo spesso sono lasciati a margine dell’educazione e della sensibilizzazione. 
Negli ultimi anni ha preso sempre più piede il confronto pubblico sulle tematiche dell’hate speech (discorso d’odio online) e della violenza online in senso più ampio: revengeporn, fake news, troll, body shaming sono argomenti fondamentali se si interpreta internet come un pezzo integrante della nostra realtà e si coglie la necessità di fornire gli strumenti adatti a vivere la rete in continuità con la vita nel mondo analogico.
Tra le tematiche più spesso trattate c’è quella del cyberbullismo, sulla quale si sono attivate tantissime associazioni e realtà, così come per il revengeporn o il cyberstalking e per le fake news. 
Un forte impegno da parte di tanti, insufficiente tuttavia a contrastare efficacemente questi fenomeni sia per una questione di risorse che per una questione di approccio. Per questa ragione ho fondato Accademia Civica Digitale e ho deciso di scrivere un libro sul tema. 
Accademia Civica Digitale è un progetto di educazione alla cittadinanza che vede professionisti ed esperti uniti per la creazione di un web migliore, dove gli utenti possano navigare consapevolmente senza rimanere vittime di raggiri, aggressioni da parte di altri o della loro stessa incompetenza nel gestire il canale digitale in cui si trovano, situazione anch’essa parte del problema. 
Acd è il sito web italiano più autorevole e completo su tutte le tematiche dell’educazione civica digitale: alla stesura di testi e articoli collaborano tantissimi ricercatori, sia per la creazione che per la correzione dei contenuti. Il primo passo per contrastare questi fenomeni è sempre quello di informare sui pericoli e fornire uno strumento per acquisire competenze attraverso qualsiasi mezzo: sia esso un corso, un articolo o un manuale. Ed è proprio un manuale di educazione civica digitale quello che ho scritto per raccontare la mia visione innovativa rispetto a queste tematiche. 
Troppo spesso vengono trattate come elementi distinti e separati gli uni dagli altri, ma non lo sono: sono fenomeni intrecciati, connessi, mescolati. Ad esempio, Cyberbulli e Troll hanno una miriade di punti di contatto: entrambi nascondono la propria identità, spesso usando profili che impersonificano terze persone, in molti casi usano anche più profili contemporaneamente ma le similitudini non si fermano all’uso dei profili perché anche le strategie mirate alla provocazione sono analoghe, basti pensare alflaming (botta e risposta nei commenti). 
Ecco un esempio banalissimo ma utile a capire come non sia sufficiente circondarsi di slogan e buone intenzioni per arginare questi fenomeni. Serve un approccio accademico, lo studio di questi temi e delle convergenze tra gli stessi non è da sottovalutare. Nel mio libro propongo di fondare una nuova disciplina, l’hate management, una materia di studio che unisca psicologia, diritto e sociologia dei mass media per dare una risposta adeguata e corposa a tutto l’inquinamento digitale che soffoca ogni giorno centinaia di migliaia di utenti. 
Il mondo nuovo. Manuale di educazione civica digitale (Fve Editori, pagg. 264, euro 19,00) è un libro per tutti, che ho scritto perché potesse parlare a ogni potenziale destinatario, dall’anziano al ragazzino, perché tutti abbiamo diritto di difenderci dai pericoli della Rete.

(riproduzione riservata)