Share |

Fermiamo la globalizzazione

Lasciamo libere le imprese di creare ricchezza per far aumentare gli stipendi e i consumi interni


10/06/2024

di Marco Bontempi


Le imprese devo tornare ad avere la metà del proprio fatturato sul mercato interno per far rinascere la media borghesia, simbolo di un Paese democratico.
I vincoli delle burocrazia devono sparire, lasciando il posto ad una riduzione annuale delle tasse.
Gli importi per realizzare il piano, devono essere recuperati da una drastica riduzione degli sprechi Statali.
Questo comportamento di riduzione annuale delle tasse, innescherà una crescita del Pil e un calo concreto del debito Statale.
Per capire le necessità del proprio Paese, un politico dovrebbe stare tra la gente, capire le loro esigenze e imporre al Governo le soluzioni.
Il “Green Deal” europeo fa acqua da tutte le parti e chi comanderà la nuova Europa, dovrà fermare senza indugi lo stop alla vendita di auto a benzina e diesel del 2035.
Questa norma è profondamente sbagliata e come tutte le cose non corrette vanno eliminate.
Per una serie di errori commessi da Bruxelles, non siamo in grado di competere con la Cina nell’elettrico e tutto dovrà essere rimandato fino a quando il nostro Continente non avrà recuperato il gap concorrenziale.
Tutti siamo favorevoli alla decarbonizazione e al miglioramento dei processi produttivi; ma occorre legare questi obiettivi alla competitività di ogni singolo Paese dell’Unione.
Aver dimenticato che l’Europa, rappresenta solo una minima parte delle emissioni a livello globale (il 7% di CO2) e vedere che si è imposta delle regole penalizzanti senza un concreto motivo, non si sa cosa pensare…
La cosa che lascia senza parole e vedere che la Cina inquina come tutto il resto del mondo e gli permettiamo di rubarci il mercato dell’auto.
Purtroppo, la burocrazia blocca lo sviluppo e non fa crescere la produttività.
Se gli stipendi non crescono, la media borghesia non rinasce e la dittatura diventerà sempre più forte.
La perdita del potere d’acquisto è diventata una realtà che deve essere fermata e vedere che siamo l’unica area del mondo che non cresce è veramente triste.
Auguriamoci che a queste elezioni Europee nasca un potere capace di fermare il declino…

(riproduzione riservata)