Share |

Il franchasing è entrato in crisi

Benetton è già in profondo rosso e Zara presto farà la stessa fine


10/06/2024

di Stefano Storti


Luciano Benetton è del 1935 e Armando Ortega, proprietario e inventore della catena internazionale di abbigliamento è del 1936.
Entrambi hanno gli stessi anni e il loro business è cresciuto enormemente attraverso il franchasing, una leva di distribuzione dei prodotti estremamente innovativa, che metteva il consumatore nelle condizioni di acquistare capi di abbigliamento a costi contenuti.
Un successo strepitoso che ha distratto il gruppo Benetton dai cambiamenti del mercato e la messo in crisi.
A tal proposito l’esercizio 2023 è stato archiviato con un fatturato leggermente superiore a un miliardo, un ebit negativo di 113milioni di euro e un risultato netto negativo per 230 milioni.
Infine il patrimonio s’è attestato a 105 milioni di euro.
Va evidenziato che il trend di sviluppo del gruppo italiano era entrato in calo circa 11 anni fa, dove il fatturato da due miliardi era sceso a un miliardo di euro.
Ora sentire da Luciano Banetton che Massimo Renon, il suo manager non lo aveva informato della cisi del gruppo è una balla che discredita tutta la famiglia.
Il colosso iberico, a cui fanno capo oltre Zara anche i marchi Bershka, Pul, &Bear, massimo Dutti e Oysho, ha chiuso lesercizio 2023 con ricavi a 35,9 miliardi di euro (+10,4%), un utile di 5,4miliardi (+ 30,3% rispetto al 2022) e i primi mesi dell’anno 2024 ha avuto una crescita del 10, 8%.
La somiglianza dei due brand del retailer, deriva dal basso costo dei prodotti e si nota che i Benetton negli anni si sono distratti con la diversificazione degli investimenti come (Autostrade per l’Italia) che ha penalizzato l’attenzione sul brand dell’abbigliamento da cui tutto era iniziato.
Infatti sembra che entrambi i gruppi non si siano accorti dell’arrivo di Amazon; Benetton distratto dai nuovi business e Zara dai forti utili, ma presto anche il gruppo iberico entrerà in crisi se non fornirà dei concreti vantaggi alla leva del proprio franchasing.
Il loro business verte sul risparmio che fornisce un abbigliamento piacevole di scarsa qualità che per il basso costo può essere gettato e cambiato in continuazione.
Ancora nessuno dei due gruppi si è guardato intorno per vedere se esiste una nova formula di business che fornisca al loro franchasing una nuova leva capace di contrastare Amazon.
Proprio per questo motivo, propongo a Benetton che è in forte crisi, di interpellare la Star-Tap italina di Bologna specializzata nel recupero dello sconto.
Una soluzione che fornirebbe al gruppo in crisi una leva innovativa che la metterebbe nelle condizioni di fare la differenza sul mercato e ripetere il successo del passato…

(riproduzione riservata)