Share |

Enrico Letta presenta a Bologna "Ho imparato"


13 Febbraio 2019

Venerdì 15 febbraio 2019, alle ore 18, alla libreria laFeltrinelli di Piazza Ravegnana 1 (Bologna), Enrico Letta presenta il suo nuovo libro “Ho imparato. In viaggio con i giovani sognando un’Italia mondiale” (il Mulino). La strada che ha preso l’Italia non mi piace. Vorrei che si cambiasse direzione. In questo libro provo a elaborare idee e lanciare proposte concrete. Per interrompere una sequenza fatta di errori e illusioni, tra sovranismi e rottamazioni, che ha portato a un’Italia sempre più ripiegata su se stessa. Per affrontare le sfide dell’immigrazione, del declino economico e culturale, della sostenibilità ambientale, e per un’Italia davvero protagonista di una nuova Europa. Le mie riflessioni si fondano su tre convinzioni. La prima è che per superare questo presente bisogna innanzitutto capire come ci si è arrivati. La seconda è che si deve superarlo andando avanti e non indietro. La terza, la più importante, è che non c’è niente di più bello che imparare.

(riproduzione riservata)

Dialoghi matematici a Bologna


12 Febbraio 2019

Domenica 17 febbraio, alle ore 11, nell’Oratorio di San Filippo Neri di Bologna (Via Manzoni 5), si terrà il primo appuntamento dei Dialoghi Matematici dal titolo “Le formule che hanno cambiato il mondo”, con Elisa Ercolessi, Giulio Giorello e Gabriele Lolli su Gödel e Heisenberg. I Dialoghi Matematici a Bologna sono tre incontri ispirati a tre formule che hanno davvero cambiato il mondo: il principio di indeterminazione di Heinseberg e la dimostrazione di Gödel, il teorema di Pitagora e il raffinatissimo teorema di Gauss. Tutti gli incontri sono introdotti e moderati da Pino Donghi.

(riproduzione riservata)

Brexit: ne valeva la pena? Se ne discute a Bologna


15 Febbraio 2019

Nell'ambito della rassegna “I grandi temi della politica economica: posizioni a confronto”, lunedì 18 febbraio, alle ore 17.30, nell’Oratorio di San Filippo Neri (Via Manzoni 5 – Bologna), si terrà l’incontro “Brexit: ne valeva la pena?”. Ne discutono Carlo Altomonte, Federico Fabbrini e Beda Romano. Introduce e modera Ferdinando Giugliano. Il 30 marzo, probabilmente, inizierà Brexit. Ma ancora non sappiamo se sarà "hard" o "soft". Non perché siamo disinformati: piuttosto, il problema è che i proponenti di Brexit non hanno avuto, sin dall'inizio, idee chiare su ciò che volevano, e come ottenerlo. E’ la caduta di un mito, forse di un modello. Su una cosa gli studiosi (seri) di Brexit sono d'accordo: i costi economici per i cittadini britannici, nel medio periodo, non saranno indifferenti. E più Brexit sarà hard, tanto più gravi i costi. Ma per noi, per l'UE e per l'Italia? Quali saranno i costi, o quali anche i benefici, sia economici che politici? Esporteremo di meno nel Regno Unito, e loro verso di noi? Alcune attività industriali (come gli investimenti dell'industria automobilistica giapponese nella RU) si riallocheranno verso l'UE? Cosa succederà all'industria bancaria: sarà una nuova primavera per Parigi o per Francoforte? Certo l'UE perderà un contribuente al bilancio, ma potrà forse funzionare meglio? Si ridurrà la spinta a favore della politica di concorrenza (nel mercato interno)? O forse addirittura Brexit è la prima tappa di un progressivo sfaldamento dell'Unione?

(riproduzione riservata)

Dialetti di Romagna: secondo incontro con gli autori


13 Febbraio 2019

Lunedì 18 febbraio, alle ore 20.45, nella sede dell’Associazione “Schürr” di Santo Stefano (RA – via Cella 488), si terrà il secondo incontro per il ciclo “A tu per tu con gli Autori del nostro tempo nei dialetti di Romagna”. Marcella Gasperoni e Francesco Gobbi tratteranno il dialetto di Bellaria e il dialetto di Cesena. Durante la serata gli Autori parleranno di sé, della propria produzione e leggeranno brani dalle loro opere: un’occasione per avere un contatto diretto con i maggiori Autori dialettali contemporanei in un contesto informale. Prossimo incontro: lunedì 25 febbraio con Rosalda Naldi e Lorenzo Scarponi.

(riproduzione riservata)

Art e Dossier a tourismA 2019


15 Febbraio 2019

Dal 22 al 24 febbraio, al Palazzo dei Congressi di Firenze, si svolgerà la quinta edizione di tourismA, Il più grande evento a livello europeo curato dalla rivista Archeologia Viva. La manifestazione sarà aperta da Save Art, l'atteso evento curato da Art e Dossier. Tre giorni per vivere insieme arte, storia e archeologia. Oltre 100 espositori italiani e stranieri, laboratori didattici per bambini e un ricco programma d'incontri con oltre 250 relatori tra cui Alberto Angela, Eike D. Schmidt, direttore delle Gallerie degli Uffizi, lo storico dell'arte Antonio Paolucci, critici d’arte come Philippe Daverio e Vittorio Sgarbi, lo scrittore Valerio Massimo Manfredi, l'archeologo Andrea Carandini e tanti altri. L’ingresso è libero e gratuito fino a esaurimento posti.

(riproduzione riservata)

Agricoltura 4.0: le aziende italiane investono in tecnologia


15 Febbraio 2019

E’ stata presentata a Palazzo di Varignana di Bologna, all’interno del convegno “Opportunità e vincoli nell’applicazione del 4.0 nella filiera agroalimentare italiana”, la survey realizzata da Nomisma e CRIF che ha analizzato i vantaggi e i limiti dell’adozione del 4.0 nella filiera agroalimentare italiana. L’indagine, che ha coinvolto 1.034 aziende agricole italiane e 55 contoterzisti, mostra che negli ultimi 3 anni il 22% delle aziende ha investito in strumenti per l’agricoltura 4.0; la propensione all’investimento è maggiore nelle aziende con sede al Nord che operano nei settori dell’allevamento, cerealicolo e delle colture industriali aventi con una classe di fatturato di oltre 50.000 Euro e un organico composto prevalentemente da millennials (18-35 anni). Tra le principali motivazioni che hanno portato il 78% delle aziende italiane a non investire nelle tecnologie di agricoltura 4.0 vi sono il tema economico (35,8% dei casi), e le piccole dimensioni dell’azienda (31,9%).

(riproduzione riservata)

Cooltra Group chiude il 2018 con un aumento del fatturato del 70%


14 Febbraio 2019

Cooltra Group, leader nelle soluzioni di mobilità su due ruote in Europa, ha chiuso il 2018 con numeri da record. Nel corso dell’anno, la società ha fatturato un totale di 26 milioni di euro, il 70% in più rispetto all'anno precedente. Il Gruppo ha anche aumentato la propria flotta, con 15.000 scooter in oltre 100 negozi Cooltra in 20 città, e aumentato il proprio organico raggiungendo i 700 dipendenti attuali. Entro il 2019, le previsioni di Cooltra Group sono di continuare a consolidare l'attività e accrescere il proprio fatturato a 42 milioni di euro. Questo consentirà di superare i 1.000 dipendenti. La scommessa sull’elettrico avrà sicuramente, una rilevanza speciale e si prevede che il 75% del fatturato sarà dato da questo tipo di veicolo. L'azienda prevede di aumentare la propria flotta con altri 2.000 nuovi mezzi che si aggiungeranno agli attuali 15.000. Il 56% di questi 17.000 motocicli sarà elettrico, per rafforzare l'impegno del gruppo verso una mobilità più sostenibile.

(riproduzione riservata)

Il Gruppo Salcini chiude il 2018 in rialzo: fatturato a +7%


14 Febbraio 2019

Nonostante l’Italia stia attraversando una fase di stagnazione economica, ci sono ancora imprese interamente italiane che riescono a crescere e a produrre fatturato, pagando il 100% delle tasse nel nostro Paese. È il caso delle imprese guidate da Gianluca Salcini (nella foto), con base operativa nella provincia di Forlì, specializzate nella logistica, lavaggio di imballaggi, frigo-refrigerazione e movimentazione di merci fresche e freschissime. L’insieme delle tre società – Tabit, Algol e Spaziosamente – ha incrementato il fatturato in un anno del 7,41%, passando dai 30.545.171 euro del 2017 ai 32.808.344 del 2018.

(riproduzione riservata)

Baxi: un 2018 con oltre 540 mila caldaie prodotte


14 Febbraio 2019

Baxi SpA, azienda italiana – parte del Gruppo BDR Thermea - che offre una gamma completa di prodotti e sistemi per la climatizzazione sia invernale che estiva, ha registrato anche quest’anno risultati positivi, confermando il trend di sviluppo previsto. Si è attestato a 287 milioni di Euro il fatturato 2018, aumentando del 12,5% rispetto al 2017. Cresciuto anche il numero delle caldaie prodotte, arrivate a oltre 540 mila nel 2018. Una macchina produttiva efficiente e organizzata quella di Baxi SpA, in grado di produrre 4.000 unità al giorno nel suo stabilimento di 100 mila metri quadri di superficie e con i suoi 700 dipendenti. Il tutto nel totale rispetto dell’ambiente, grazie ai 6.000 mq di pannelli fotovoltaici che soddisfano il 100% della richiesta energetica necessaria per la fabbricazione delle caldaie.


Nella foto: il Direttore Generale Alberto Favero

(riproduzione riservata)

Il "Made in" continua a fare notizia


12 Febbraio 2019

Il “Made in” continua a fare notizia. La ricerca sul web di "Made in Italy" infatti ha ottenuto grandi risultati negli ultimi 3 anni, passando dal volume medio di ricerca mensile di 35,8 mila nel 2016 e 38,9 mila nel 2017 a una media di 88,7 mila nel 2018. Con ricerche lanciate anche sul suolo italiano, segno che l'orgoglio locale trova conferma. Così SEMrush - una piattaforma di gestione della visibilità online - mette in evidenza come sono cambiate le tendenze online a favore dell'Italia tra il 2016 e il 2018 in uno studio condotto su milioni di utenti a livello globale. I Paesi in cui “Made in Italy” è stato più ricercato nel 2018 sono: Italia, Australia e Regno Unito. Nella classifica estratta da SEMrush il “Made in Italy” occupa il terzo posto, dopo “Made in India" con quasi 270 mila ricerche mensili e "Made in China" con 140 mila, ma prima di “Made in Mexico” con 48 mila ricerche mensili effettuate dagli utenti del web.

(riproduzione riservata)

Industria 4.0: le Pmi emiliano-romagnole ci credono


08 Febbraio 2019

Quanto sono innovative le Pmi del manifatturiero emiliano-romagnolo? L’Osservatorio MECSPE, presentato al Museo del Patrimonio Industriale di Bologna da Senaf in occasione della tappa del tour dei “LABORATORI MECSPE FABBRICA DIGITALE, La via italiana per l’industria 4.0” dedicata all’internet of things e all’intelligenza artificiale, ha fatto un bilancio sul I semestre del 2018, raccontando lo stato di salute delle imprese made in Italy dell’Emilia-Romagna e il loro rapporto con la trasformazione digitale. Un processo di cambiamento che negli ultimi anni ha trasformato molto o abbastanza 6 aziende su 10, in un panorama che a livello generale le vede digitalizzate ormai in buona parte (50,8%), interamente (26,2%) o anche solo in pochi nodi (16,4%). Oltre la metà degli imprenditori emiliano-romagnoli percepisce la propria azienda molto o abbastanza innovativa.


Nella foto: Maruska Sabato, Project Manager MECSPE

(riproduzione riservata)

A Marazzi il "Top Employer Italia 2019"


04 Febbraio 2019

Marazzi - leader internazionale nel design e nella produzione di piastrelle di ceramica per pavimenti e rivestimenti - ha ricevuto dal Top Employers Institute la certificazione Top Employer Italia 2019 per le eccellenti condizioni di lavoro in azienda. «Le persone sono da sempre uno dei valori fondanti della nostra azienda - ha commentato Luca Gatti, direttore HR e Organizzazione Marazzi Group (nella foto) - ed è per questo che ogni giorno la cura della crescita professionale, dell’ambiente di lavoro e del benessere di ciascuno dei nostri collaboratori rappresenta un impegno costante. La certificazione Top Employers rappresenta un importante riconoscimento in questo senso e uno stimolo a fare meglio e ancora di più. Siamo davvero orgogliosi di averla ricevuta per il terzo anno consecutivo».

(riproduzione riservata)

Le imprese emiliane puntano sulla valutazione aziendale


01 Febbraio 2019

In un clima generalizzato di sfiducia, le aziende emiliane reagiscono e si attivano approfondendo le tematiche valutative per promuovere la crescita. Circa 30 primarie imprese operanti in Emilia Romagna, principalmente nel settore manifatturiero, hanno infatti partecipato a Bologna (presso Nomisma, Palazzo Davia Bargellini)  ad  un workshop formativo sulla valutazione aziendale, organizzato da Duff & Phelps - società di servizi finanziari leader mondiale nelle valutazioni aziendali e di beni strumentali, real estate, corporate finance, investigazioni e controversie, cyber security, compliance e consulenza normativa – in collaborazione con ANDAF (Associazione Nazionale Direttori Amministrativi e Finanziari) Sezione Emilia Romagna. Le aziende dell’Emilia Romagna sono molto interessate a capire come stimare il valore d’impresa e a come gestirlo. Determinare in modo appropriato il patrimonio di un'azienda risulta infatti cruciale per delineare il migliore approccio al mercato, sostenendo competitività e crescita del business, specialmente in questa delicata congiuntura economica.

(riproduzione riservata)

Veronica Diquattro assume la guida di Dazn anche in Spagna


31 Gennaio 2019

Dazn, il primo servizio di streaming live e on demand interamente dedicato allo sport, ha annunciato che la bolognese Veronica Diquattro (nella foto), oltre all’Italia, guiderà l’attività anche in Spagna, in qualità di Executive Vice President Revenue, Southern Europe. Dazn verrà lanciato in Spagna nel mese di febbraio, dopo essersi assicurato i diritti esclusivi multipiattaforma per la MotoGP dal 2019 al 2022, per la Premier League dalla stagione 2019/20 alla 2021/22 e per la Turkish Airlines EuroLeague dal 2019/20 al 2022/23. Ulteriori importanti diritti verranno annunciati a breve, in vista del debutto della piattaforma previsto con l’inizio della stagione di MotoGP.

(riproduzione riservata)

Da Riso Gallo il primo riso 100% sostenibile


31 Gennaio 2019

Riso Gallo, azienda risiera della Lomellina da più di 160 anni attenta a cogliere i cambiamenti e le rinnovate esigenze di consumo, è il primo marchio mass market del settore ad aver intrapreso la produzione di riso da agricoltura sostenibile certificato “Friend of the Earth”, lo Standard di Certificazione dell’Agricoltura e dell’Allevamento Sostenibili. Riso Rustico da Agricoltura Sostenibile per Risotti e Riso Rustico da Agricoltura Sostenibile per Contorni e Insalate sono le referenze che compongono la gamma garantita da Friend Of The Earth.

(riproduzione riservata)

Calzoni cresce: a +61% il fatturato nel 2018


30 Gennaio 2019

Calzoni, società bolognese con sede a Molinella specializzata da oltre 30 anni in assemblaggi industriali, annuncia di aver chiuso l’esercizio fiscale 2018 con un fatturato consolidato in crescita del 61%. L’impresa, riconosciuta nel campo dell’outsourcing produttivo, ha registrato un volume d’affari globali che si attesta a oltre 1,6 milioni di euro con un considerevole incremento rispetto al 1,023 milioni di euro di fatturato del 2017. L’obiettivo è continuare questo trend di crescita anche nel 2019 e di concludere l’anno con un ulteriore incremento del 25%. Le ottime performance sono state determinate dagli ingenti investimenti di oltre 250 mila euro in strutture, tecnologie e supporti logistici particolarmente innovativi. Nel 2018 Calzoni ha consolidato le competenze professionali inserendo diverse nuove figure, passando da un team di 21 a 30 persone. Per il 2019 è previsto un ulteriore ampliamento dell’organico.


Nella foto: l’AD Andrea Calzoni

(riproduzione riservata)