Share |

Si sgonfia la bolla delle criptovalute

Il prezzo dei Bitcoin è precipitato dell'85%. Un passo avanti verso una nuova consapevolezza sul potenziale della tecnologia Blockchain


17/12/2018

di Damiano Pignalosa


Un anno pieno di emozioni quello che abbiamo appena vissuto riguardante il mondo delle criptovalute. Dopo la follia della rincorsa al nuovo oro digitale, la bolla è esplosa facendo balzare il prezzo di Bitcon dai 20 mila dei primi mesi del 2018 ai poco più di 3 mila di oggi, con un ribasso di circa l’85%. Questo calo naturale ha giovato anche al mercato, con una vera e propria pulizia di tutte quelle monete virtuali nate senza un motivo e senza un perché che sono finite nel dimenticatoio, facendo comunque la fortuna di pochi e alimentando le perdite di molti.
Come ampiamente pronosticato, quello che ci rimane è proprio la tecnologia sottostante, ovvero la Blockchain. Se da un lato ai più neanche interessa sapere cosa sia e come funzioni, dall’altro ha registrato un numero sempre più alto di investimenti da parte di svariati settori merceologici che, tramite il suo utilizzo, sono riusciti ad abbattere i costi di manutenzione delle proprie infrastrutture cercando il più possibile di ampliare la trasparenza dei propri servizi.
Stando alle stime, entro il 2025 il 10% del Pil mondiale sarà generato da prodotti e servizi erogati con questa tecnologia con investimenti da parte di aziende che sfioreranno i 10 miliardi di dollari. I vantaggi sono chiari in termini di risparmi: per il solo settore bancario si stima una riduzione del 30% dei costi infrastrutturali, con un risparmio fino a 12 miliardi di dollari l’anno a livello globale. Ma i benefici non si limitano al taglio dei costi, estendendosi a «tracciabilità e trasparenza, incremento di fatturato, riduzione dei rischi, creazione di nuove opportunità di business e possibilità di essere più focalizzati sul cliente». A queste realtà già consolidate bisogna aggiungere tutte quelle start up che stanno nascendo proprio per agevolare i servizi da proporre al cliente tramite Blockchain. Nei primi sei mesi del 2018 i venture capital hanno investito 1,3 miliardi di dollari in startup legate a questa tecnologia, superando già i 900 milioni dell’intero 2017.
Ad oggi la Blockchain viene utilizzata su tre livelli di iniziative commerciali che si basano su un diverso utilizzo del sistema. L’aspetto principale è quello legato alla funzione di registro immodificabile, che «permette nella sostanza di avere un notaio digitale che certifica fatti e dati e che attribuisce loro una data certa», con ambiti di applicazione evidenti nei registri pubblici, ma anche per la tracciabilità della filiera, sia in chiave antifrode, che di sicurezza e qualità. Dall’alimentare alla moda, dall’immobiliare al settore bancario, dalla domotica all’implementazione con il machine learning i vantaggi sono tutti da scoprire ed applicare.
Sembra essere tornati indietro di quasi 20 anni dove dopo la bolla di internet, sviluppatasi e pompata nello stesso modo, il mondo intero diede i natali alla più grande rivoluzione tecnologica mai concepita che portò benessere e opportunità in tutto il pianeta. Allo stesso modo, la Blockchain, può dare una nuova vita e seguire lo stesso percorso, attivando le giovani menti pronte ad investirci il proprio tempo ed il proprio sapere per raggiungere risultati straordinari ma alla portata di tutti. Le nuove generazioni hanno in mano questo nuovo strumento che ha già creato migliaia di posti di lavoro. Solo fino a pochi anni era utopistico pensare che tutto questo potesse accadere, ma anche in questo caso abbiamo un segnale ben preciso: l’avanzamento tecnologico porta ad un radicale cambiamento della società e i nuovi impieghi sostituiranno alcune delle vecchie mansioni creando nuove opportunità lavorative e non il contrario. Per tutti i ragazzi che stanno dando l’anima per sviluppare nuovi progetti soprattutto cercando finanziamenti ed investitori, il consiglio ve lo diede qualche anno fa Steve Jobs quando disse: «Lavorate duro per raggiungere i vostri sogni altrimenti qualcun altro vi assumerà per raggiungere i suoi».

(riproduzione riservata)