Share |

Confindustria Ceramica ribadisce l'importanza della bretella Campogalliano-Sassuolo e altre infrastrutture nel Modenese


19/06/2018

Confindustria Ceramica riconferma la centralità della bretella Campogalliano-Sassuolo e delle altre infrastrutture al servizio del distretto ceramico di Modena, auspicando un veloce accantieramento. L’iter relativo a questo raccordo autostradale e alle altre opere connesse si è concluso, portando a termine tutti i passaggi richiesti dalla legge: non esiste, in uno Stato di diritto, che alla fine del percorso - dopo anni di dibattito e di analisi - tutto venga rimesso in discussione. 
Dal 2010 a oggi la produzione dell’industria ceramica italiana è aumentata di 55 milioni di metri quadrati, dei quali 45 milioni nel solo distretto emiliano. Il dato nazionale è importante perché Sassuolo è una piattaforma logistica anche per le produzioni ceramiche realizzate in altre parti d’Italia. 
L’industria ceramica italiana ha investito negli ultimi cinque anni 1,8 miliardi di euro, 514 dei quali nel solo anno 2017: si tratta di una chiara e tangibile fiducia verso il futuro, finalizzate ad aggiornare il sistema manifatturiero con le più moderne tecnologie e ad aumentare la nostra capacità produttiva. 
Il piano di fattibilità realizzato da Auto CS ha studiato i volumi di traffico attuali e futuri. In una previsione al 2030 l'infrastruttura vedrà il transito di oltre 44.000 veicoli/giorno, il 21% dei quali sono veicoli pesanti. Il raccordo con il sistema autostradale nazionale serve alle industrie ed alle altre attività qui insediate, come anche al territorio inteso nella sua accezione più ampia. 
L’Associazione ha sviluppato previsioni relative ai volumi. Nel caso di una crescita modesta della produzione media nel decennio del 13,7% - inferiore, quindi, all’1,5% annuo - anche considerando contestualmente l’ipotesi di un forte aumento del traffico su ferrovia di 8 punti percentuali (dai attuali 24, già sopra alla media nazionale, al 32%), il numero di automezzi leggeri e pesanti in transito nel distretto sarebbe comunque destinato a crescere sensibilmente. 
Tra i punti di maggior congestione nella viabilità ordinaria troviamo la Pedemontana nel tratto di Sassuolo, l’unica sezione dell’arteria di attraversamento est-ovest interna ad un centro urbano a una corsia per ogni senso di marcia. “Auspichiamo pertanto che si metta mano quanto prima a questi pochi chilometri, volti a fluidificare il traffico e ad aumentare la velocità di transito”.

(riproduzione riservata)