Share |

Il giglio magico delle ferie che unisce la coppia. E non solo

Fare le vacanze ci rende normali e quest’anno abbiamo deciso di farle anche noi


30/07/2018

di Mario Pinzi


Anche quest’anno ci si prepara a partire per le vacanze estive, e anche noi di Economia Italiana abbiamo deciso di fare la stessa cosa per essere in grado, il 27 agosto, di avere quel sano riposo utile a fornirvi un’informazione fuori dal coro più graffiante e dinamica. 
Cari lettori, desidero farvi viaggiare con una novità che stupisce. 
Il gioco erotico da paura è diventato la vacanza dei Vip, e i posti più ricercati sono quelli frequentati dai fantasmi che voglio fare l’amore con i viventi. 
A giudicare dai racconti che mi hanno fatto, quello che accade in quelle case ha dell’incredibile. 
Il turismo della paura erotica ha già raggiunto un fatturato annuo che supera i 90 milioni di euro, e per trovare il fantasma occorre individuare la casa dove in passato è accaduto qualcosa di strano. 
Vicino a questi luoghi sono nati degli appartamenti di lusso che vengono affittati ai turisti
che desiderano essere posseduti dall’invisibile. 
Un testimone mi ha confermato che il Piemonte è la zona con la più alta concentrazione di invisibili, e sembra che a Casale Monferrato sud si aggiri una coppia vittima negli anni 30 di un brutale omicidio avvenuto nella loro casa di campagna mentre stavano facendo del sesso con una coppia di giovani contadini che amavano fare l’amore di gruppo.  
Anche in questo originale settore vacanziero l’Italia si posiziona al primo posto. 
Non voglio fare il bacchettone, perciò torno al tema delle vacanze che col tempo sono degenerate creando un nuovo rapporto di coppia. 
Negli anni sessanta, quando eravamo poveri e belli, il desiderio più ambito era quello di avere un’avventura che non mettesse in pericolo il rapporto matrimoniale e al termine dell’allegra vacanza si tornava all’ovile rigenerati e contenti.  
Col tempo, però, le cose sono radicalmente cambiate, posizionandosi verso l’esagerazione che ora è sfociata nella vacanza erotica che incute paura. 
Personalmente sono convinto che non è il posto ad essere infestato di fantasmi, ma le menti delle persone che desiderano affrontare questo tipo di tradimento. 
Questa trovata come il poli-amore permettono più relazioni sessuali e affettive senza dire bugie al proprio partner, sembra che siano due metodi vincenti per sconfiggere la gelosia di coppia perché concedono al proprio partner piena libertà di essere e amare. 
Insomma, entrambi i metodi dovrebbero reggere sulla sincerità. 
Un amico mi ha raccontato da dove è nata questa novità, e ve la racconto come mi è stata riferita: “A Londra, quattro anni fa, la moglie di un noto chirurgo medico durante il sonno è stata posseduta da un fantasma, e la giovane donna estasiata da quello che stava provando, in pieno orgasmo sveglia il marito e gli spiega quello che le sta accadendo. 
Lui cerca di calmarla, e attribuisce la sua eccitazione a un sogno erotico. 
Tutto sembra rientrato, ma passata mezzora il fantasma torna a ripossederla e lei estasiata obbliga il marito a tenerle la mano per condividere con lei il piacere che sta provando. 
Quello strano rapporto dura più di quaranta minuti, e ad ogni orgasmo i mobili della stanza iniziarono a tremare. 
Il giorno dopo il marito racconta l’accaduto ad un amico giornalista e in pochissimo tempo in tutti i Pub di Londra si iniziò a parlare della scopata del fantasma”. 
Questa notizia non l’ho verificata, ma sembra un fatto realmente accaduto perché ne ho avuto conferma da un collega di Londra. 
Purtroppo come accade spesso la verità va a puttane, perché c’è sempre qualcuno che cerca di approfittarne. 
Infatti, mi è stato riferito che un gruppo di amiche dell’alta borghesia inglese hanno colto l’occasione per cornificare i propri mariti senza essere penalizzate, e da quella iniziativa è nata la moda delle vacanze erotiche da paura che stanno raggiungendo fatturati incredibili. 
Come hanno fatto queste signore ad alterare la verità?  
Questo è un interrogativo semplice da spiegare. 
La moglie che vuole tradire il marito, trova un locale attiguo alla villa dove si vocifera che potrebbe esserci il fantasma e lo convince ad andare con lei. 
Sdraiati sul letto in attesa dell’invisibile, la furbetta, passato un po’ di tempo, inizia a simulare una serie di orgasmi da svenimento coinvolgendo nell’amplesso anche il marito che abbocca come un tordo, e il gioco è fatto.  
Quella prima simulazione è sufficiente per giustificare le sue assenze quando incontrerà il proprio amante, e tutto viene fatto con estrema sicurezza perché ogni volta il posto è diverso. 
Cari lettori, io non voglio fare il moralista, ma preferisco restare legato al tradimento del passato che era molto più romantico. 
Insomma, per fare una sana vacanza vi consiglio di guardare al passato, e se vi capiterà di fare una scappatella, fatela in un modo che non distrugga il rapporto ma lo consolidi.
Soli non siamo niente, uniti siamo tutto. Buone vacanze e state attenti ai fantasmi.      

(riproduzione riservata)