Share |

Schiaffi e insulti ai corteggiatori maschi

Le donne che non hanno compreso di essere manipolate dalla finanza speculativa, che vuole annullare il centro di potere costituito dalla famiglia, stanno sbagliando


15/01/2018

di Mario Pinzi


“L’omo e la donna sono stati creati per compensarsi come l’acqua e la sete. Soli non siamo niente, uniti siamo tutto”. Fatta questa premessa, non serve un quoziente intellettivo molto alto per comprendere che esiste un centro di potere economico che sta facendo leva sulla falsa libertà femminile per creare un vero odio verso il maschio, utile a bendare il buon senso che scaturisce dall’unione della coppia. 
Cari lettori, nonostante le debolezze sessuali congenite nell’essere umano, noi uomini, visto il modo falso e strumentale con cui veniamo aggrediti, dovremmo ricevere l’aureola di veri santi. 
Queste femmine di facili costumi, purtroppo, predicano bene e razzolano male. Sono anime belle che aprano le gambe per raggiungere la fama, e dopo il successo gridano al lupo senza dignità. Credo che su questo comportamento ci sia poco da dibattere. 
Insomma, molti intellettuali di sinistra, pur di flagellarci, scrivano e parlano fuori luogo per nascondere il vero motivo dell’aggressione comandata dalla finanza speculativa che ci vuole divisi per manipolarci meglio. 
Che ci sia in atto una strategia che vuole affossare l’unione famigliare è cosa scontata, ma da questa verità affermare che tutti i maschi siano degli assatanati di sesso e le donne delle santarelline, ce ne passa di acqua sotto i ponti. 
Purtroppo, stiamo viaggiando su delle falsità talmente evidenti che è sufficiente il quoziente intellettivo di una scimmia per comprende cosa avverrà in futuro. 
Soltanto un ceco non vede che siamo circondati da un branco di donne in mala fede che, con il loro comportamento, si stanno incamminando verso la schiavitù. 
Il manifesto della Deneuve, che ha intuito il pericolo, afferma: “Gli uomini devono essere liberi di importunarci, sta a noi rifiutare il ruolo di prede”. Le 100 donne francesi che hanno firmato con lei il manifesto, dimostrano d’aver capito che i veri violentatori sono quelli che stanno manipolando le femministe del pianeta per distruggere la famiglia e opprimere le società.  
Il caso Weinstein è molto chiaro: le donne che l’hanno aggredito si erano vendute per raggiungere la fama e questo comportamento non può essere visto come una violenza. 
In verità, vi dico che per colpa dei gruppi femministi mondiali, c’è in atto una castrazione femminile che ci porterà al disfacimento sociale, e con questa mia affermazione credo che sia importante evidenziare quello che ha sottolineato l’attrice Claudia Gerini: “Senza le avance maschili finisce il mondo”. 
La finanza speculativa, per raggiungere i propri scopi, ha iniettato nel cervello delle femministe l’odio contro il maschio, e questo comportamento le porterà dritte alla schiavitù. 
La coppia deve imparare a convivere con i propri errori, e il gioco amoroso si deve manifestare liberamente, ma finalizzato all’unione. Per ciascuno di noi i piaceri del sesso si esprimano in maniera diversa, e i suoi eccessi devono essere gestiti nel consolidare una completa fusione dei corpi.
C’è un’altra eccezione che non va dimenticata: la scappatella amorosa che nasce dall’abitudine.  E’ una cosa pericolosa che deve restare nascosta, ma tornando ai veri valori, può diventare come è sempre stata, una leva terapeutica per l’unione della coppia. Questa aggressione, finalizzata a mandare al “rogo” il maschio, serve a chi ci vuole schiavi ubbidienti, e la donna è lo strumento più importante di questa becera strategia. Per sua natura, la pulsione sessuale è primitiva è a volte anche offensiva, ma il romanticismo ha saputo ammantarla di una magica gentilezza che è stata accettata con entusiasmo dalle donne di tutte le epoche. Le bugie sono state create a doc per affossare l’unione famigliare, e con il prossimo voto auguriamoci che vada al potere chi vuole difendere la libertà politica, intellettuale e interiore di ognuno di noi, per formare una società sana e colma di sogni…

(riproduzione riservata)