L'Editoriale

Rispetto della dignità umana, seppure con i dovuti distinguo

Da giornalista sostengo che il comportamento del Vaticano finisca per unire i cattolici contro l'Europa

di Mario Pinzi

Alcuni cattolici affermano che Salvini è un delinquente perché si è opposto allo sbarco degli extracomunitari, ma omettono in cosa consiste il vero valore dell’ospitalità. Per rispettare la dignità umana occorre donare alle persone che si accolgono un tetto sulla testa e un lavoro, e se questo non viene fatto si procura la manodopera per la mafia creando forti disagi alla collettività. Purtroppo mi duole confermare che la Chiesa cattolica sta dimostrando di aver perso il buonsenso. Il rifiuto di Salvini nell’accogliere i 49 extracomunitari della nave Sea Watch è più che giustificato, e confermo che ha fatto molto bene a dichiararsi contrario agli sbarchi per evitare a questa

[leggi ...]

Prima pagina

La lunga marcia verso le europee

All’interno del Vecchio Continente aleggia la paura di un ribaltone politico che porterebbe al potere populisti e nazionalisti

di Damiano Pignalosa

Il countdown è cominciato. Le prossime elezioni del Parlamento europeo si terranno in tutti gli Stati membri dell'Unione fra il 23 e il 26 maggio 2019, con calendario variabile a seconda dei Paesi. In Italia si voterà domenica 26 maggio. Probabilmente sarà la tornata elettorale comunitaria più attesa dall’avvio dell’Ue e della moneta unica, infatti, rispetto al giro precedente, le rilevazioni attuali prevedono un declino di entrambi i maggiori gruppi politici

[leggi ...]

Prima pagina

L'export Made in Italy corre… su Amazon

Le piccole e medie imprese abbracciano le piattaforme di e-commerce con l’obiettivo, entro il 2020, di esportare oltre un miliardo di euro di prodotti

di Alberto Ferretti

Il brand Made in Italy da sempre è sinonimo di qualità, artigianalità e bellezza. L’Italia a differenza di tante altre nazioni ha fatto della sua tradizione un marchio di fabbrica che risulta essere tra i più richiesti e ricercati in tutto il mondo. Questo è stato possibile grazie alle innumerevoli piccole medie imprese che continuano a perseguire il sogno di un prodotto che faccia innamorare il cliente dandogli quella sicurezza del “fatto a mano con attenzione”, una teoria ripresa da quasi tutti i settori merceologici nostrani. Che si parli di moda o di alimentare, di meccanica o di artigianato, il risultato non cambia nel pensiero globale: “italians do it better” (gli italiani lo

[leggi ...]

Storie d'impresa

Peter Thun, il "re" del collezionismo

Il presidente della nota azienda di Bolzano guarda avanti puntando su investimenti, formazione e distribuzione

di Giorgio Nadali

Thun è un'azienda italiana di oggetti da collezione, articoli da decoro interni e idee regalo. L'azienda è stata fondata a Bolzano nel 1950 dalla contessa Lene e dal conte Otmar Thun in un piccolo laboratorio di modellazione a Castel Sant'Antonio (Schloss Klebenstein). Oggi fattura 110 milioni di euro, ha 377 dipendenti e 371 punti di vendita monomarca in Italia. Presidente è Peter Thun. Presidente, quanto conta la formazione nella vostra azienda? Per avere successo non abbiamo bisogno solo di investimenti e di nuove tecnologie,

[leggi ...]

Prima pagina

Siamo sicuri che la solerte sinistra italiana sia contenta che Battisti sia finito in cella?

Nonostante le dichiarazioni di facciata, dà fastidio che a firmare la cattura di un terrorista in fuga da 37 anni, condannato all'ergastolo per quattro omicidi, sia stato Matteo Salvini con la collaborazione del neo-presidente brasiliano Bolsonaro

di Sandro Vacchi

Ho fatto una sorta di minisondaggio personale dopo la cattura di Cesare Battisti. Ho mandato a cinque amici il seguente messaggio: «Visto che hai una casa bella grande, non potresti dare rifugio all'eroico Cesare Battisti, catturato dalla polizia autocratica?

[leggi ...]

Prima pagina

Le 4 stagioni del populismo alla prova dei fatti, altrimenti Lega e M5S rischieranno

L’economista Stephanie Kelly sostiene che il nostro Governo dovrà attuare il piano fiscale senza intaccare la capacità del Paese di rimborsare il debito. Ma non sarà facile. I contrasti con l’Ue e l’impatto sui rendimenti, inoltre, costituiranno ostacoli difficili da superare. Con la conseguenza di…

di Giambattista Pepi

“Ogni relazione attraversa quattro fasi. Prima c’è la fase dell’euforia. È quella in cui si perdona all’altro ogni difetto e i pregi sembrano superare di gran lunga gli aspetti negativi. La seconda fase è quella dell’attaccamento iniziale. L’euforia diminuisce gradualmente e viene sostituita da uno stato di appagamento. Poi, inevitabilmente, subentra la crisi. Le cose cambiano

[leggi ...]

Prima pagina

Immigrati: la fortezza Europa affoga nelle contraddizioni

Riflessioni di una voce cattolica sulla lunga odissea dei 49 profughi maltesi. Fra appelli inascoltati, dure prese di posizione e il balletto delle responsabilità del nostro Governo, alle prese con il decreto sicurezza e la vergognosa “tassa sulla bontà”. Intanto il vicesindaco di Trieste esagera e viene multato dai suoi stessi vigili

di Antonio Sciortino*

Pura barbarie. Una vergogna per l’Europa intera. Con un disumano rimpallo di responsabilità sulle pelle di 49 immigrati.  “Poveri cristi” in balìa delle onde dal 22 dicembre dello scorso anno. Una lunga odissea che ha varcato Natale, Capodanno ed Epifania, tra freddo,

[leggi ...]

Prima pagina

Xylella e dintorni: Centinaio pronto a varare misure a sostegno dell'olivocolutura

Secondo il ministro, sono in arrivo emendamenti blindati nel decreto legge sulla semplificazione

di Artemisia

In arrivo emendamenti blindati nel decreto legge semplificazione per dichiarare lo stato di calamità naturale per le gelate e per avviare una serie di interventi per combattere seriamente e velocemente la xylella. Il decreto ministeriale sarà portato in Conferenza Stato-

[leggi ...]
In primo piano

"Il delitto di Agora", una storiaccia di vecchia data legata al brutale omicidio di due fidanzati con 184 coltellate

Ispirandosi a fatti realmente accaduti Antonio Pennacchi ha saputo rielaborare un suo lavoro del 1998 in termini inconsueti e imprevedibili. “Ben sapendo che l’assassino non è certo quel disgraziato che è finito in galera…”

di Mauro Castelli

Antonio Pennacchi non è personaggio, sanguigno e scorbutico qual è, da suscitare a prima vista particolari simpatie: vuoi per quel suo modo di porsi che non manca di indispettire (“Sono l’unico scrittore che ha delle cose da raccontare”, ha avuto modo di dire), vuoi per quel suo carattere spigoloso che si è andato comunque ammorbidendo nel tempo (“Parto sempre dalla fiducia, ma se ritengo che mi vogliano fregare divento una bestia”), vuoi per quella sua prepotenza comunicativa da primo della classe che lo caratterizza (“Mia madre mi diceva che spesso parlavo a vanvera e mia moglie che sono un

[leggi ...]

Investimenti e nuove tecnologie nella grande distribuzione per migliorare sicurezza e tracciabilità dei prodotti alimentari

È il supermercato, grazie agli oltre due milioni e 300mila controlli, il punto vendita più sicuro per gli acquisti

Il supermercato è il punto vendita più sicuro per gli acquisti food dei consumatori, grazie ai due milioni e trecentomila controlli che vengono effettuati ogni anno nei ventiseimila supermercati italiani. Controlli effettuati da ventuno enti diversi (dalle Asl ai Nas) dipendenti da quattro ministeri (Salute, Agricoltura, Ambiente, Economia) nonché dall’ente europeo Efsa. Senza trascurare i test di autocontrollo delle catene distributive, affidati a enti esterni indipendenti. I prodotti alimentari a Marca Del Distributore (Mdd) sono

[leggi ...]

"Iniziò con un bacio, finì con un delitto" e "Se morirò di lunedì…": in libreria due novità per la collana "I bassotti" di casa Polillo

La prima, firmata dall’inglese Derek Smith, si rapporta al caso di un colpevole che non è un colpevole; la seconda richiama invece un malizioso gioco narrativo dell’irlandese Charles Barry

di Catone Assori

Continuano a sorprendere le scelte editoriali di casa Polillo, volte ad arricchire di inediti la collana I bassotti, la piccola biblioteca del giallo da salvare che, strada facendo, è diventata un vero e proprio punto di riferimento per numerosi collezionisti. Fortemente voluta da Marco Polillo (già presidente dell’Associazione italiana editori) questa raccolta ha peraltro superato il traguardo delle duecento uscite. Una collana che aveva debuttato sugli scaffali nel giugno 2002 a fronte di un logo facile da ricordare: appunto

[leggi ...]

Le macchine sapienti devono essere guidate dall'etica

Paolo Benanti ci invita a riflettere sulla necessità di ricondurre lo sviluppo e la diffusione dell’intelligenza artificiale nell’alveo della responsabilità sociale e dei princìpi morali per evitare che assuma forme disumanizzanti

di Tancredi Re

La maggior parte dell’intelligenza artificiale è femminile: gli studi dimostrano che la maggior parte delle persone (tra cui gli uomini eterosessuali) preferisce il suono di una voce femminile (è il caso di Siri negli iPhone Apple di più recente generazione). Esistono cuccioli dotati di intelligenza artificiale: animali che, a differenza di quelli veri, non comportano problemi (non mangiano, non bevono e non devono fare i bisogni). Inoltre le intelligenze artificiali non sono solo un tempio della conoscenza, ma sono in grado di socializzare e simulare le emozioni, proprio come gli esseri umani. Possono, ad esempio, ripararsi da sole:

[leggi ...]

Non credere a niente, anche se a indagare, in un castello di specchi e di inganni, è l'ex vicequestore Colomba Caselli

Torna in libreria Sandrone Dazieri nel terzo atto della trilogia psicologica iniziata con Uccidi il Padre, giocando a rimpiattino fra fatti e misfatti, vicende e personaggi. Mettendosi peraltro a nudo per i lettori di Economia Italiana.it

di Mauro Castelli

Un personaggio che se non ci fosse bisognerebbe inventarlo Sandrone Dazieri. Brillante e curioso, vegetariano e pacifista, accattivante e pronto alla battuta, eclettico e stravagante, a volte persino eccessivo nella sua megalomania (“In realtà mi riconosco soltanto in parte in queste definizioni. Vegetariano e pacifista, certo, ma anche stravagante, per via di certi problemi che hanno pesato, e molto, sul mio vissuto. Avevo soltanto quattro anni e mezzo quando, dopo una lunga malattia, morì papà, sindacalista della Cgil, e io iniziai a frequentare il mondo della psichiatria per via di una crisi depressiva che mi avrebbe

[leggi ...]

Approvato dal Gruppo Hera il Piano industriale al 2022

Focus su investimenti e innovazione per garantire un ruolo di primo piano nell’evoluzione dei servizi, migliorare la rigenerazione e affrontare come si conviene le sfide del settore. A sua volta la solidità patrimoniale e finanziaria alimenterà lo sviluppo per linee esterne

Il Consiglio di amministrazione del Gruppo Hera, dopo aver esaminato il preconsuntivo 2018, che consolida un margine operativo lordo a fine anno di 1,02 miliardi di euro, in crescita del 3,6% rispetto ai 984,6 milioni al 31 dicembre 2017, ha approvato il Piano industriale al 2022. Piano che riflette un forte impegno a un ulteriore sviluppo del Gruppo nonostante uno scenario caratterizzato da una complessità crescente. Lo scenario macro-economico, pur presentandosi meno favorevole (con tassi d’interesse in

[leggi ...]

"La Lettrice": un piccolo capolavoro firmato da Federico Faruffini

Da non perdere - alla Galleria d’arte moderna di Milano - il delizioso (e un po’ peccaminoso) fiore di campo sbocciato per sbaglio tra sofisticati fiori di serra

di Donatella Gallione Molinari

In questo periodo Milano rende omaggio al Romanticismo con mostre in due diversi musei cittadini: le Gallerie d’Italia e il museo Poldi Pezzoli. A tal proposito vorrei dare un suggerimento ai lettori di Economia Italiana.it: se vi capitasse di trovarvi nelle vicinanze di Porta Venezia e vi incuriosisse conoscere un altro aspetto del Romanticismo, fate una piccola deviazione in via Palestro 16 fino alla Gam (Galleria d’arte moderna), salite al piano nobile e recatevi nella sala 11. Qui troverete un

[leggi ...]

Guido Carli, l'architetto del mercato dei capitali

Federico Pascucci ha raccolto 14 interventi dello statista (fu Governatore della Banca d’Italia e ministro del Tesoro), volti a illustrane il pensiero e l’opera in una fase storica del nostro Paese: dalla riforma del sistema bancario e finanziario alla stipula del Trattato di Maastricht 

di Giambattista Pepi

Nella lunga e ricca galleria degli uomini più illustri d’Italia può essere certamente annoverata anche la figura dello statista Guido Carli. Già ministro del Commercio con l’Estero (1957-1958), governatore della Banca d’Italia (1960-1975), presidente della Confindustria (1976-1980), ministro del Tesoro (1989-1992) e senatore della Repubblica (IX e X legislatura), fu anche artefice dello sviluppo economico del nostro Paese, della sua stabilità messa a repentaglio negli anni complicati del Sessantotto, della realizzazione della riforma del settore bancario e finanziario culminata con l’approvazione del Testo Unico

[leggi ...]

"Il giornale è il mio amore", Giancarlo Tartaglia racconta Alberto Bergamini

Nel suo ultimo libro il direttore della Fnsi ripercorre la vita e la professione di colui che con “Albertini e Frassati è stato l'artefice e l’interprete di una stagione irripetibile della storia politico-giornalistica del nostro Paese”

“Il giornale è il mio amore. Alberto Bergamini inventore del giornalismo moderno” è il titolo dell'ultimo libro del direttore della Fnsi, Giancarlo Tartaglia (edizioni All Around). Nato nel 1871, Bergamini iniziò neanche 20enne a coltivare la passione per il giornalismo che lo portò nel 1898 ad essere assunto all'ufficio di corrispondenza di Roma del Corriere della Sera, guidato da Michele Torraca, per poi decidere di fondare, nel 1901, il quotidiano romano 'Il Giornale d'Italia', di cui fu direttore. Il suo nome è legato in primo luogo a una serie di innovazioni che di lì a breve avrebbe introdotto nel modo di fare giornalismo di

[leggi ...]

Il vero volto dell'Iran che l'Occidente non si è mai immaginato

Tiziana Ciavardini racconta di un Paese difficile e dittatoriale che tuttavia si porta al seguito una componente fascinosa e regale che nessun totalitarismo è mai riuscito a eclissare

di Tancredi Re

Nella plurimillenaria storia della Persia, l’odierno Iran, sono molti gli eventi significativi che occorrerebbe ricordare per non farle torto e fornire ai contemporanei un’idea della grandezza di questo Paese, fin dall’antichità crogiolo di civiltà, terra bramata da molti popoli e ponte ideale tra il Medio oriente e l’Europa. Ma per evidenti ragioni, di tempo e di spazio, non è possibile. Partiamo allora da un evento storico drammatico: la rivoluzione islamica del 1978-79. Con gli sconvolgimenti politici e sociali che generò, essa costituisce una sorta di pietra miliare perché trasformò la monarchia del Paese in una Repubblica

[leggi ...]

Ma quale gusto ha "il sapore del sangue"? E che ne pensa l'ispettore Ferraro?

Torna in scena il riuscito personaggio uscito dalla prolifica penna di Gianni Biondillo, un architetto prestato alla narrativa, capace come pochi altri di dare voce alla periferia milanese più degradata. Immedesimandosi nelle sue storie di disadattati e avendo sempre rispetto per l’intelligenza dei lettori

di Mauro Castelli

Un personaggio fuori dalle righe Gianni Biondillo lo è. Pronto ad amalgamare - verrebbe da pensare - la sua estrazione milanese (è infatti nato sotto la Madonnina il 3 febbraio 1966) con quella dei suoi genitori arrivati dal Sud: “Mio padre dalla provincia di Caserta, mamma da quella di Messina. Ma non mi sento cittadino di seconda generazione, anzi questa connotazione per me non esiste, non l’ho mai capita. Se uno è nato a Milano è milanese a tutti gli effetti. Punto e basta. E poi sentirsi milanese rappresenta una scelta…”. Lui che non si fa riguardo nello sbugiardare anche chi lo accusa di giocare sulla sua

[leggi ...]

C'è un vecchio delitto nel presente del commissario Michele Balistreri

Roberto Costantini rimette in pista il suo collaudato personaggio, alle prese con un cold case che risale ai tempi dei mondiali di calcio del 1990. Facendo nuovamente centro

di Valentina Zirpoli

Un gradito ritorno. Quello di Roberto Costantini, che per i tipi della Marsilio, il suo editore di riferimento (“Per me - tiene a precisare - un’azienda e una famiglia, l’ideale per lavorare bene”), propone ai lettori Da molto lontano (pagg. 600, euro 19,90), una nuova, intrigante indagine affidata al commissario Michele (detto Mike) Balistreri: il personaggio irrequieto e ribelle che ha contribuito al successo internazionale della “Trilogia del Male” (composta da Tu sei il male, Alle radici del male e Il male non dimentica), già pubblicata negli Stati Uniti e in altri undici Paesi europei. Storie, assieme ad altre due, che gli sono valse un Giorgio

[leggi ...]

The Game: "il risultato di una insurrezione mentale"

L'attualità del sociale nel nuovo libro di Baricco

di Andrea Di Furia

Alessandro Baricco mi piace sia quando affabula nelle sue lezioni, sia quando scrive. Quando fa entrambe le cose non me lo lascio certo scappare. Perciò, appena uscito il suo ultimo libro The game, mi sono precipitato in libreria e già la quarta di copertina

[leggi ...]

Montescaglioso: la città materana dei monasteri e adesso dei… moschettieri

di Valentina Zirpoli

Su un complesso collinare all’interno del parco della Murgia Materana (Patrimonio Mondiale dell’Unesco insieme ai sassi di Matera), delimitato a sud-ovest dal fiume Bradano e a nord-est dal torrente Gravina, sorge un importante centro storico-culturale: Montescaglioso (Matera). Questa località è conosciuta come la “città dei monasteri” per la presenza di

[leggi ...]

Il Male? Un assassino che uccide, per interposta persona, plagiando e manipolando

Torna vincente Donato Carrisi con il suo diabolico suggeritore. Che dire poi dei segreti d’ufficio di Renée Knight e dei ragazzi scomparsi di Friedrich Ani?

di Mauro Castelli

Donato Carrisi, basta la parola. Un numero uno della narrativa i cui interessi spaziano a largo raggio. Non a caso, oltre che scrittore, si propone come sceneggiatore, drammaturgo, giornalista (è una firma di punta del Corriere della Sera) e regista, nonché vincitore di diversi premi, fra i quali il Bancarella nel 2009, in abbinata al Prix Polar e al Prix Livre de Poche. “Complice” Il suggeritore, romanzo che quattro anni dopo avrebbe beneficiato di un sequel-

[leggi ...]

Un nuovo caso per Neal Carey, il detective con troppi conti in sospeso

Don Winslow ridà voce al personaggio che lo ha reso celebre, peraltro legato agli Amici di Famiglia, una strana società di investigazioni

di Valentina Zirpoli

Don Winslow: un maestro dei noir amato e apprezzato dai lettori di mezzo mondo; un collezionista di bestseller che graffia e intriga quasi senza darlo a vedere, giocando a rimpiattino con l’intelligenza dei lettori; una penna che non le manda a dire, anche dal punto di vista politico (regolarmente denuncia sui social le azioni dell’amministrazione del presidente Donald Trump, certamente poco amato - e non è una novità - dai

[leggi ...]

La Bibbia riletta dai non credenti

Una cinquantina di intellettuali si cimentano con il Libro dei Libri fornendo riflessioni stimolanti e profonde

di Giambattista Pepi

La Bibbia, dal greco antico Biblìa, che significa “libri” è il testo sacro della religione ebraica e di quella cristiana. È formata da libri differenti per origine, genere, composizione, lingua, datazione e stile letterario, scritti in un ampio lasso di tempo, preceduti da una tradizione orale più o meno lunga e comunque difficile da identificare, racchiusi in un canone stabilito a partire dai primi secoli della nostra era. Diversamente dal

[leggi ...]

Ogni relazione ha le sue ombre, a partire da un uomo apparentemente perfetto

I troppi misteri legati a un matrimonio finito, a una nuova compagna e a una ex moglie che la sa lunga messi in scena, per chi ama i thriller psicologici, da Greer Hendricks e Sarah Pekkanen

di Valentina Zirpoli

Sono americane e sono rispettivamente la coppia vincente del momento: il loro thriller psicologico La moglie tra di noi (Piemme, pagg. 390, euro 19,90, traduzione di Anna Martini), dopo aver tenuto banco alla grande nelle classifiche di vendita a stelle e strisce è stato tradotto o è in corso di traduzione in 35 Paesi, oltre a essere stato opzionato per il grande schermo dalla Amblin Entertainment con adattamento a loro carico. Di fatto

[leggi ...]

Fra le non facili pieghe della simbologia e della ritualità templare

Edgardo Marziani torna sugli scaffali con un saggio che, pur nella sua misteriosa complessità, induce alla riflessione

In prima battuta gli appunti critici: capoversi esageratamente lunghi (che ti fanno andare di traverso anche una giornata ricca di soddisfazioni); una scrittura dove molto, troppo, viene dato per scontato (in altre parole un salto nel vuoto per chi risulta acerbo della non facile materia trattata); argomenti di imponenti proporzioni trattati, pur a fronte di una iniziale consapevolezza, con una certa disinvoltura; infine qualche

[leggi ...]

Una pericolosa rete di intrighi e l'ispettore Turner indaga

Da Tim Willocks, uno scrittore quasi italiano, una storia che lascia il segno imbastita su un omicidio nascosto fra le pieghe di una scomoda verità

di Massimo Mistero

Basta guardarlo (lunghi capelli rossi riccioluti, efelidi, baffi e pizzetto da moschettiere, voce roca, volto segnato da mille battaglie) per rendersi conto che l’inglese Tim Willocks, all’anagrafe Timothy, non può passare inosservato. E anche il suo curriculum è di quelli che lasciano il segno, e per diversi motivi. In primis per via di quella laurea in Medicina conseguita presso l’University College di Londra (per alcuni anni ha lavorato

[leggi ...]

Le avventurose indagini di Perveen Mistry nella Bombay degli anni Venti

Ambientazioni che catturano, personaggi che lasciano il segno, una scrittura esaltante: torna sugli scaffali la multietnica Sujata Massey

di Valentina Zirpoli

Per chi ancora non la conosce, la scrittura esaltante di Sujata Massey è di quelle destinate ad accalappiare il lettore. Per i temi trattati, di intrigante fantasia; per le ambientazioni, che si rapportano con un tuffo nel passato che non manca di lasciare il segno; per i personaggi di spessore, nuovi quanto ben tratteggiati; per le tematiche sviluppate, partendo dai diritti delle donne (seppure ancora in prospettiva) nella Bombay degli

[leggi ...]

Il Sessantotto "raccontato" ai ragazzi. E poi il tuffo fra i banchi di scuola di tre "celeb" dell'Olimpo

Due tematiche che hanno il loro perché messe nero su bianco dalla francese Adeline Regnault e dalla nostra Lia Celi

di Vera De Ragazzinis

Ha trentadue anni, la debuttante francese Adeline Regnault, e il Sessantotto non lo ha certo vissuto in prima persona. Ma, come si conviene a chi vuole fare le cose per bene, si è documentata alla grande per la sua prima volta sugli scaffali. In quanto dare voce a un romanzo indirizzato ai ragazzi per certi versi unico - che rappresenta un apparentamento lontano anni luce fra quel periodo di

[leggi ...]

Servizi
World Press Trenitalia Italo eDreams il Meteo MarketinG E...