L'Editoriale

La fine dell'Impero Romano non ci ha insegnato nulla

L’Europa ci comunica quanto deve essere grande un pomodoro, ma non legge la storia per evitare il disastro

di Mario Pinzi

Lo storico Michel De Jaeghere, nel suo libro Gli ultimi giorni dell’Impero Romano, spiega le vere motivazioni del suo crollo. In particolare, afferma che il disastro è avvenuto per la crisi economica, le tasse esagerate, la denatalità e l’immigrazione incontrollata. Insomma, la mancanza di figli ha costretto l’Impero ad accogliere i propri nemici per coltivare le terre e farli combattere al posto dei cittadini romani. Attraverso il reclutamento, i barbari hanno ottenuto tutti i privilegi della civiltà romana, che gli ha fornito su un piatto d’argento la leva per la sua distruzione. L’Impero Romano è nato con la conquista e la capacità di imporre ai vinti la propria cultura, ma nel III secolo quella forza si perse e le tribù ospitanti poterono dargli il colpo di grazia. Cari lettori, l’ondata immigratoria che

[leggi ...]

Visto da Lei

Votare o non votare

di Mariella Alberini

In questa giungla pre-elettorale, dispiace vedere tanti manigoldi senza coscienza e senza Patria che, impuniti, ragliano in TV o nei media a pagamento. Il professionista canta-storie è una specie di tecnico dalla parola “facile”, grande idealista del nulla. Tenta di convincere, pur sapendo che è un mistificatore con una delle tante maschere ideologiche del Potere. L’Ideologia, raccontata in modo serio per garantire la credibilità con il duplice scopo di incantare o confondere l’ascoltatore. In realtà la Torre di Babele non è mai esistita, come tante altre storie raccontate da grandi parlatori con il dono di convincere, approfittare per regnare sulle spalle dei fiduciosi,

[leggi ...]

Prima pagina

L'Austria spaccata in due dal voto

L’Europa si salva, ma resta sull’orlo del precipizio

Con il 50,3% delle preferenze contro il 49,7% dell’avversario di estrema destra Norbert Hofer, quindi con uno scarto di 31.026 voti, il candidato verde Alexander Van der Bellen è stato eletto nuovo presidente dell'Austria. Economista, 72 anni, Van der Bellen, candidato indipendente appoggiato dai Verdi, di cui è stato leader, ha ottenuto il sostegno di quanti volevano fermare l'onda xenofoba di Norbert Hofer, in corsa per il partito di estrema destra Fpoe. Si insedierà il prossimo 8 luglio, succedendo al

[leggi ...]

Prima pagina

Brevetti: l'Italia non riesce più a sognare

Il nostro Paese scende clamorosamente al decimo posto. A rivelarlo è il Report 2015 dello European Patent Office (EPO), l’ente europeo dei brevetti

di Carla Albertini

Questa Europa ha tolto il sogno al popolo italiano. Il nostro Paese, infatti, è al decimo posto a livello mondiale e al sesto sul territorio europeo per numero di brevetti registrati, superata da Paesi Bassi e Svizzera. A rivelare questo clamoroso “scivolone” dell’Italia, patria di grandi inventori come Leonardo Da Vinci e Guglielmo Marconi – solo per citarne alcuni –, è l’EPO (European Patent Office), l’ente europeo dei brevetti. Secondo il Report 2015, il numero di richieste di registro brevetti presentate lo scorso anno dagli italiani ammonta a

[leggi ...]

Prima pagina

Nelle maglie strette del Ttip, il trattato di libero scambio fra l'Europa e gli Stati Uniti

Di questo gigantesco, quanto contestato, accordo - che vale il 46 per cento del Pil globale - se ne discute da tre anni in gran segreto. Logico quindi che se ne sappia poco, anche se viene da ipotizzare sia fra l’altro indirizzato a fungere da barriera alle maggiori economie emergenti, come quelle di Cina, India e Brasile. Nuove nuvole si stanno quindi addensando sugli scambi mondiali? E per quanto riguarda l’Italia?

di Mauro Castelli

Stati Uniti e Unione Europea stanno negoziando, dal 2013, un gigantesco accordo commerciale di cui ogni tanto si parla senza saperne granché. Ma che in ogni caso ha già trovato - ci mancherebbe - due schieramenti contrapposti: quello dei favorevoli e quello dei

[leggi ...]

Prima pagina

Il Giglio Magico di Renzi mette i partigiani in un angolo

L'infelice sortita del ministro Maria Elena Boschi fa infiammare le polemiche dentro e fuori dal PD

di Sandro Vacchi

La campagna referendaria è già cominciata, la campagna-acquisti anche, la campagna “tout court” è invece sempre più vuota di braccine tolte all'agricoltura, come quelle della ministra Maria Elena Boschi. La “dama bellina” (definizione di Umberto Lorenzoni,

[leggi ...]

Prima pagina

Italia più vecchia e più povera

Ma non è una novità: si tratta del regalo dell'euro

di Artemisia

Un Paese di vecchi e di poveri. La crisi che si protrae da quasi dieci anni e le medicine amare che l'Unione europea continua a propinare hanno messo a terra l'Italia: un Paese che ha perso la sua vitalità, depresso e oppresso da un sistema sociale e politico incapace di fornire

[leggi ...]

Prima pagina

Una provocazione imbastita sull'idea di una non-economia gestita attraverso il fai da te

Le regole di mercato sono ferree, inevitabili. Chi ha provato a suggerirne di alternative ha sempre fallito. Allora qual è il vero ostacolo da superare? Ci proviamo con una fantasiosa parabola imprenditoriale. Ma forse non più di tanto…

di Paolo Mastromo

Immaginiamo che sia appena finita una guerra termonucleare: l’intera umanità è scomparsa ma si è salvata, miracolosamente, un’unica piccola comunità di undici famiglie; dieci sono famiglie operaie, una è la famiglia di un imprenditore. Tutti si danno da fare con buona

[leggi ...]
In primo piano

Firenze: voragine sul Lungarno

Il sindaco Nardella: «Errore umano. Chi ha sbagliato deve pagare»

Una voragine, lunga circa 200 metri per 7 metri di larghezza, si è aperta sul Lungarno Torrigiani, tra Ponte Vecchio e Ponte Le Grazie, nel centro di Firenze, coinvolgendo una ventina di auto in sosta, ma senza causare feriti. Secondo quanto spiegato dai vigili del fuoco, la voragine è stata causata dalla rottura di un grosso tubo dell'acquedotto (il diametro è di circa 80 centimetri). La rottura ha provocato quindi una voragine di circa tre metri in cui sono sprofondate una ventina di auto e diversi motocicli. Sul posto i vigili

[leggi ...]

Al Teatro Duse di Bologna il gioco di squadra funziona

Spumeggiante cartellone di prosa 2016-2017 dalla A (di Autieri) alla S (di Solfrizzi), con bollicine dell'Orchestra Senzaspine

di Andrea di Furia

Se pensiamo che 6 stagioni fa il rischio di chiusura era palpabile e che dall’anno scorso il Duse è l’unico teatro riconosciuto dal MIBACT come Organismo di Programmazione Multidisciplinare in Italia, con oltre 220 giornate di apertura tra cartellone ed eventi speciali, le ultime 5 stagioni del Teatro Duse di Bologna sono obbligatoriamente state un successo progressivo inarrestabile. I numeri della passata stagione parlano da soli: 90 titoli in cartellone, media spettatori superiore a 800 presenze a

[leggi ...]

Fra le pieghe del bilancio 2015 dell'Inpgi, l'Istituto nazionale di previdenza dei giornalisti, che ha chiuso in profondo rosso

di Daniela Stigliano*

Il rosso dell’Inpgi è sempre più profondo. Il bilancio previdenziale 2015 della gestione principale si è chiuso a -142 milioni di euro, mentre il patrimonio dell’Istituto si è ridotto di quasi 140 milioni. E il 2016 non andrà meglio. Né gli anni subito successivi. Nonostante le rassicurazioni del vertice dell’Inpgi, l’aumento dei contributi scattato dallo scorso gennaio, gli escamotage contabili ancora una volta utilizzati per mostrare un utile solo apparente, la vicinissima svendita degli immobili e una riforma previdenziale che sarà ben

[leggi ...]

Azimut|Benetti Group incanta oltre 700 grandi clienti con la magia del Capri Style

Sono stati oltre 700 i clienti di Azimut|Benetti sbarcati nella mitica isola di Capri provenienti dai Paesi di tutto il mondo - tra cui Stati Uniti, Messico, Brasile, Regno Unito, Emirati Arabi, Cina e Singapore - per rendere omaggio agli splendidi yachts del Gruppo. Ospiti dell’azienda piemontese, che ogni anno riunisce coloro che si identificano nella passione per le sue “barche” e ne condividono il suo stile di vita. La Marina Grande dell’isola ha infatti ospitato una flotta di ben 22 yachts, rappresentativi dell’intera gamma del Gruppo. Gli

[leggi ...]

Sono 65 in corsa per la quinta edizione del concorso di architettura "La Ceramica e il Progetto" organizzato da Confindustria e Cersaie

Sono 65 i progetti che partecipano alla quinta edizione del concorso di architettura “La Ceramica e il Progetto”, il cui bando si è chiuso nei giorni scorsi. Il concorso, organizzato da Confindustria e Cersaie per premiare e dare visibilità alle migliori realizzazioni in piastrelle di ceramica italiana, ripropone le tre categorie architettoniche (edifici istituzionali/arredo urbano, residenziali e commerciali/hospitality) per progetti realizzati in Italia ed all'estero. L'iniziativa è rivolta a opere ex

[leggi ...]

Centocinquanta concittadini dei Savoia salvati da Profilmec

Il gruppo Profilmec guidato da Giuseppe Bottanelli ha presentato una proposta per la riapertura della trattativa per l'acquisizione del Tubificio Ilva a Racconigi. C'è l'impegno a non delocalizzare e a salvaguardare gli attuali livelli occupazionali

Profilmec è pronta a salvare 150 posti di lavoro nel gruppo Ilva assicurando la continuità produttiva di un importante asset del colosso siderurgico e impedendo la delocalizzazione. L'azienda guidata da Giuseppe Bottanelli, Presidente e Amministratore Delegato del gruppo,ha presentato una manifestazione d'interesse per il Tubificio Ilva con sede a Racconigi (Cuneo), che fu residenza estiva dei Savoia. Questo stabilimento strategico per il colosso dell'acciaio conta 150 dipendenti, oltre 100 milioni di fatturato, con

[leggi ...]

L'editoria alle prese con un'era glaciale più che con una tempesta

Nel giro di pochi anni i principali quotidiani nazionali hanno perso la metà della loro tiratura, e conseguenti vendite. I settimanali hanno quasi tutti chiuso i battenti, i mensili o hanno detto addio o si sono ridimensionati di conseguenza. Tuttavia, piangersi addosso non serve...

di Nicola Salvagnin*

Si dice che il settore dell'editoria sia maturo: parola con accezione negativa, quando la si usa in economia. Significa: ha già dato tutto, ora è in declino. E i numeri non confortano: nel giro di pochi anni i principali quotidiani nazionali hanno perso la metà della loro tiratura, e conseguenti vendite. I settimanali hanno quasi tutti chiuso i battenti, i mensili o hanno detto addio o si sono ridimensionati di conseguenza. Un’era glaciale, più che una tempesta. Le aziende editrici hanno fatto

[leggi ...]

Alleanza strategica fra Talentia Software e Zucchetti per sviluppare un'offerta integrata nel campo dell'IT

Talentia Software, società leader nel mercato europeo nel campo delle soluzioni per la gestione finanziaria e per quella delle risorse umane, e Zucchetti, azienda italiana di software, hardware e servizi IT, hanno siglato una collaborazione per sviluppare un’offerta integrata per il mercato. La partnership è attiva al momento in Italia e sarà estesa anche a livello internazionale. Per la cronaca, con oltre 3.150 dipendenti, una rete di distribuzione nazionale composta da oltre 1.100 partner e più di 105.000

[leggi ...]

Ma la cannabis ha realmente un valore terapeutico?

A sostenerlo è il chirurgo vascolare Fabrizio Cinquini, noto nell’assistere i suoi pazienti attraverso cure alternative olistiche naturali

Il chirurgo vascolare Fabrizio Cinquini, malato di epatite C, da 24 anni utilizza la canapa a scopo terapeutico incrociandola (dopo aver studiato a lungo la natura di tali incroci, quindi facendo a tutti gli effetti attività di ricerca scientifica) con altre sostanze (in specie aloe, papaya, ma anche cedro, aglio, pepe) non solo per curarsi in prima persona, ma per curare anche tante altre malattie. A cominciare da quelle legate alla condotta alimentare (anoressia e bulimia), ma anche sclerosi multipla, sclerosi laterale amiotrofica (Sla), cancro, leucemia, Aids, fibromialgia, glaucoma, morbo di Chron, lesioni midollari, diabete, epilessia, depressione,

[leggi ...]

Niente più dubbi: la patente di guida vale come documento d'identità

A chiarirlo è stata una circolare del ministero dell’Interno, nella quale se ne precisa la validità anche per l’attestato plastificato

Adesso si può stare tranquilli: la patente di guida ha valore come documento d’identità, in quanto equiparato a un documento di riconoscimento come la carta d’identità. In altre parole la patente può essere utilizzata tranquillamente in sua sostituzione. A chiarirlo è stata una circolare del ministero dell’Interno, nella quale si afferma che questo attestato, anche in formato plastificato, dispone di tutti i requisiti previsti dalla legge per identificare un cittadino italiano. Si tratta dunque di un documento di

[leggi ...]

"La Scienza giorno per giorno 1861-2015" secondo la novantenne Mirella Delfini: una lunga cavalcata che si avvale della prefazione di un divulgatore d'eccezione

di Piero Angela

C’è un concetto che stenta a entrare nella nostra cultura: il ruolo fondamentale che hanno avuto scienza e tecnologia non solo nello scoprire le leggi della natura e nell'inventare macchine di ogni tipo, ma nel cambiare l'economia, la politica, la scuola, la condizione umana, la stessa democrazia. È stata la più grande rivoluzione della storia dell'umanità. Infatti se si guarda lo sviluppo economico, politico, educativo, sociale, democratico degli ultimi millenni, ci si rende conto che la linea è rimasta quasi piatta per un tempo lunghissimo. L'umanità era come Gulliver imbavagliato e immobilizzato sulla spiaggia dei

[leggi ...]

La funzione del male sociale e le sue non piccole ragioni

Nulla accade per caso

di Andrea di Furia

Il più importante còmpito del presente, per l'attuale Umanità di inizio terzo millennio, è comprendere e utilizzare in maniera cosciente le dinamiche che intessono “tridimensionalmente” la quotidianità sociale. Al contempo questa stessa Umanità è proprio la meno competente e capace di assolvere tale còmpito, causa il suo elevatissimo tasso di analfabetismo sociale di ritorno. Innanzitutto le mancano completamente i concetti

[leggi ...]

Locorotondo, il bianco balcone sulla Murgia

di Valentina Zirpoli

Immerso nella Valle dell’Itria, a metà strada tra Cisternino e Alberobello, su un rilievo posto a 410 metri sul livello del mare appartenente a quel complesso altopiano collinare detto Murgia, denominato comunemente Murgia dei Trulli, sorge il borgo di Locorotondo (Bari), il cui nome evocativo ne anticipa la conformazione. Si tratta, infatti, di un paese il cui centro storico è formato da viuzze concentriche su

[leggi ...]

Omicidio in riva al lago: sino a dove siamo disposti a spingerci quando c'è di mezzo l'amore?

In Acque amare Marco Polillo rimette in pista l’azzeccato commissario Zottìa. Consigli per gli acquisti anche per Barbara Bellomo, José C. Vales e Alex Connor

di Mauro Castelli

Una persona cordiale, pacata, mai sopra le righe («Mi ritengo socievole, per nulla umorale, pronto ad andare d’accordo con tutti»); un brillante intrattenitore che utilizza l’arma della simpatia forse per stemperare la sua robusta cultura; «un gentiluomo, uno dal quale ti sentiresti di comprare un’auto» secondo quel geniale collega che è Gianni Monduzzi; un numero uno che si rapporta a una maliziosa sincerità («Io non soffro a scrivere, semmai mi diverto. E dei miei diversi

[leggi ...]

Fra le pieghe della memoria all'insegna delle origini e del cambiamento

Attingendo dalla sua giovinezza, Brando Skyhorse recupera e rielabora i pezzi di un’infanzia che ogni padre si è portato via

di Maddalena Dalli

Tanto per mettere subito i puntini sulle i, quella raccontata ne La casa dei padri invisibili (Piemme, pagg. 302, euro 17,50, traduzione di Annalisa Carena) è, o almeno dovrebbe essere, una storia vera. «Avevo tre anni quando mio padre, Candido Ulloa, abbandonò me e mia madre in casa di mia nonna June (sposata con il filippino Emilio), su una ripida collina di Portia Street, in un quartiere di Los Angeles chiamato Echo Park. Mia madre, Maria Teresa, una messicana che voleva essere una nativa americana,

[leggi ...]

"Sei chiodi storti" e una storica vittoria dimenticata

Dario Cresto-Dina ci regala un ricordo segnato dalle polemiche: la conquista da parte di Panatta & C. della Coppa Davis 1976

di Catone Assori

Sbaglierò, ma mi ha sempre infastidito, ieri come oggi, l’ingerenza della politica nelle faccende sportive. Perché un conto sono le ideologie, un conto è la faticosa rincorsa al successo di un atleta, supportata da sudore e sacrifici. In quanto ai vertici mondiali non ci si arriva mai per caso. Bene ha fatto, quindi, Dario Cresto-Dina a “rileggere” - in Sei chiodi storti (66tha2nd, pagg. 148, euro 17,00) - quel burrascoso periodo che vide la nostra nazionale di tennis trionfare (nel 1976 in Cile, un Paese allora

[leggi ...]

Il mestiere più difficile al mondo? Quello dei genitori

Romana Caruso Mariani ha dato alle stampe, per i tipi della Cinquesensi, il saggio Crescere l’amore. Con una prefazione d’autore

di Walter Veltroni

Essere genitori è il mestiere più difficile, seguito a ruota da un altro mestiere: essere figli. Quello che apparentemente è facile e “naturale” (questo ci dice la nostra parte istintiva ed animale) è in realtà il compito inevitabile e bellissimo di ciascuno. Ma le insidie, le incertezze sono molte. Sono padre di due figlie (ormai grandi) ma quando ho provato a raccontare questo rapporto - coi miei film e coi miei libri - ho finito per farlo sempre dalla parte dei figli. È stata una scoperta

[leggi ...]

Operazione Overlord: il piano per la liberazione della Francia

Carlo Nordio, con grande abilità narrativa, racconta la storia vera, o comunque verosimile, di quanto successe in Normandia nel 1944

di Maddalena Dalli

Una penna raffinata e intrigante, una grande capacità nel cavalcare la verità storica – a fronte di accurate ricerche - e dare voce al mito, una indubbia abilità nell’emozionare il lettore esaminando gli avvenimenti da una prospettiva inedita. Queste le doti di Carlo Nordio (nato a Treviso il 6 febbraio 1947) che, dopo aver affrontato quel che successe durante il secondo conflitto mondiale dal punto di vista di una spia nazista in Operazione Grifone, ora ha deciso di guardare la storia dal versante

[leggi ...]

E se la guerra fra romani ed etruschi stesse per essere combattuta di nuovo?

Dalla penna di Lucia Tilde Ingrosso un intrigante fantasy per ragazzi che strizza l’occhio anche a un pubblico adulto

di Vera De Ragazzinis

Cercate un fantasy per tutta la famiglia ma siete stufi di maghetti inglesi, angeli caduti e saghe americane? Un’opzione da prendere in considerazione è Curtun. Il segreto degli etruschi (Salani, pagg. 296, euro 14,90), un fantasy made in Italy. A firmarlo è Lucia Tilde Ingrosso, giornalista (è nella redazione del mensile economico Millionaire) e scrittrice eclettica. Ha firmato la serie di gialli dell’ispettore Rizzo (cinque romanzi, in predicato di diventare una fiction). Ha

[leggi ...]

Servizi
World Press Trenitalia Italo eDreams il Meteo MarketinG E...