Share |

Eset Research ha scoperto ModPipe, backdoor che prende di mira i sistemi Pos usati da migliaia di ristoranti e hotel


26/11/2020

I ricercatori di Eset, leader globale nel mercato della cybersecurity, hanno individuato ModPipe, un malware a struttura modulare che dà agli hacker che lo utilizzano l’accesso a informazioni sensibili archiviate in dispositivi supportati da Oracle Micros Restaurant Enterprise Series (Res) 3700 Pos (point-of-sale), una suite di software gestionale usata da centinaia di migliaia di bar, ristoranti, alberghi e altre strutture ricettive in tutto il mondo. La maggior parte degli obiettivi identificati è situata dagli Stati Uniti. 
A rendere particolare questo malware sono i moduli scaricabili e le caratteristiche, in quanto contiene un algoritmo personalizzato per sottrarre le password del database Res 3700 Pos, decriptandole dai valori del registro di Windows. Questo dimostra l’approfondita conoscenza che gli autori del malware hanno del software attaccato, che consente loro di scegliere questo metodo sofisticato invece di raccogliere i dati attraverso un approccio più semplice ma “più forte”, come il keylogging. Le credenziali così estratte consentono ai criminali informatici di ModPipe di accedere ai contenuti del database, incluse varie definizioni e configurazioni, tabelle di stato e informazioni sulle transazioni Pos. 
“Tuttavia, sulla base della documentazione di Res 3700 Pos, gli hacker non dovrebbero essere in grado di accedere alla maggior parte delle informazioni sensibili, come il numero della carta di credito e la data di scadenza, che sono protette dalla crittografia. L’unico dato del cliente memorizzato in chiaro e dunque a loro disposizione dovrebbe essere il nome del proprietario della carta” ha tenuto a precisare Martin Smolár, il ricercatore di Eset che ha scoperto ModPipe. 
“Probabilmente le parti più interessanti di ModPipe sono i suoi moduli scaricabili. Siamo a conoscenza della loro esistenza dalla fine del 2019, quando abbiamo scoperto il malware e abbiamo analizzato i suoi componenti base” spiega Smolár. L’architettura di ModPipe, i suoi moduli e le sue caratteristiche indicano anche che i suoi autori hanno una conoscenza molto estesa del software RES 3700 POS. Questa competenza potrebbe derivare da molti scenari, tra cui il furto e il reverse engineering del software proprietario, l’uso improprio di parti divulgate o l’acquisto di codice al mercato sommerso” aggiunge Smolár. 
Per tenere a bada gli hacker di ModPipe, alle vittime potenziali del settore dell’ospitalità, così come qualsiasi altro business che si serve di Res 3700 Pos, viene consigliato di:

  • Usare l’ultima versione del software;
  • Usare il software su dispositivi che eseguono sistemi operativi e software aggiornati;
  • Usare software di sicurezza multilayer affidabili in grado di rilevare ModPipe e minacce simili.

(riproduzione riservata)