L'Editoriale

L'Europa, per non cadere dal tetto, deve fare i compiti

Ha ragione Savona: l'Ue si può salvare solo attraverso una crescita economica interna

di Mario Pinzi

Ci voleva il ministro per gli Affari Europei Paolo Savona per dare una scossa a quello che il nostro giornale sostiene e ripete da anni. Dall’intervista che il ministro ha rilasciato al collega Pietro Senaldi di Libero, si evince che l’Unione si può salvare solo con la crescita economica interna, e Bruxelles deve iniziare a fare dei veri compiti. Il rispetto dei parametri europei non si ottengono con questa visione statica imposta dall’asse franco-tedesco, ma da una concezione dinamica e creativa del problema. Il passaggio che più mi ha elettrizzato della sua intervista è quando ha affermato che la prima proposta che aveva fatto all’Unione era quella di spostare il nostro

[leggi ...]

Prima pagina

L'Alzheimer e la speranza. Padovani: "Ci avviciniamo"

L'incredibile happening di Levico Terme

di Sandro Vacchi

Può succedere che una bella signora bionda si alzi dal tavolo per accodarsi alla banda di matti che, armati di tromboni e tamburi, spandono allegria fra chi pranza. Lei canta e balla, rosa nella sua maglietta, rosa come vorrebbe fosse la sua vita: se si rendesse conto di cos'è la sua vita di malata di Alzheimer. La scena è surreale, come lo è l'happening della disperazione e della speranza, che si chiama Alzheimer Fest. Occorre un estremo coraggio per organizzare qualcosa

[leggi ...]

Prima pagina

Neve in Sud Africa. Il clima è definitivamente impazzito?

Gli eventi straordinari lievitati in trent'anni da due a quasi venti. Tutta colpa, forse, del riscaldamento globale

di Monia Savioli

Si parla spesso di mutazioni climatiche e riscaldamento globale. Qualcosa però va in controtendenza. Nei giorni scorsi, in un periodo in cui nella provincia occidentale del Sud Africa la primavera dovrebbe offrirsi dall’alto dei suoi 18 gradi, una improvvisa nevicata ha messo a dura prova giraffe, elefanti e antilopi. Immagine straordinaria? Assolutamente sì. Tanto da permettere agli scatti realizzati da Kitty Viljoen, dedicati a giraffe erranti nella neve, di diventare virali e occupare tutto il web. Gli

[leggi ...]

Prima pagina

Il voto contro Orban, la Brexit e l'irrequietezza italiana: l'Ue sta firmando il suo tramonto?

Gli Stati membri sono divisi su tutto: dalla gestione dei flussi migratori alla riforma dell’eurozona, passando per la politica estera. In realtà le istituzioni comunitarie non sanno più dialogare. E allora, possono ancora servire gli appelli all’unità, quando il processo di allargamento dell’Unione è allo sbando?

di Giambattista Pepi

Il voto del Parlamento europeo contro l’Ungheria del premier Victor Orban a causa di una “minaccia sistemica” ai valori fondanti dell’Ue potrebbe produrre fatti politici rilevanti, anche se la procedura per arrivare alla sanzione “bazooka”, cioè la sospensione del diritto di

[leggi ...]

Prima pagina

Il governo Conte messo alla prova dalla legge di bilancio

Aliquote Irpef, reddito di cittadinanza, flat tax, partite Iva e pace fiscale sono i temi analizzati da Lega e 5 Stelle per cercare di far ripartire il Paese. Con il ministro dell'Economia Tria a mediare

di Damiano Pignalosa

Il tempo delle parole è finito. Ora bisogna passare ai fatti per tastare il polso al governo più criticato e temuto della storia recente. La maggioranza è a lavoro per mettere a punto la legge di bilancio che punta quota 30 miliardi. Il reddito di cittadinanza peserà per almeno

[leggi ...]

Prima pagina

Sequestrato a Torino il primo bordello d'Italia delle bambole

Un'operazione portata avanti all'insegna dell'ipocrisia. Perché allora si continua a tollerare la prostituzione in strada e quella in Chiesa?

A Torino è nato il primo bordello d’Italia delle bambole che, con una scusa banale, è stato chiuso perché i titolari avevano omesso di specificare che la loro attività comprendeva anche l’affitto a ore delle stanze. Ma la realtà del sequestro è un’altra: l’ipocrisia dei

[leggi ...]
In primo piano

Made in Italy: con mezzo milione di bruciatori la multinazionale bresciana Sabaf festeggia un traguardo industriale da record

Cinquecento milioni di bruciatori: messi uno accanto all’altro misurerebbero 40.000 chilometri, ben oltre la circonferenza terrestre. È questo l’incredibile traguardo raggiunto da Sabaf, la multinazionale bresciana, fra i leader mondiali nel settore dei componenti per cucine, che grazie a forti investimenti e un’attività incessante di rinnovamento ha conseguito un risultato storico che conferma l’altissimo livello dell’ingegneria italiana nel mondo. Per raggiungere questi numeri, Sabaf ha puntato su un continuo

[leggi ...]

Pensioni, ecco le idee e le contraddizioni grillesche di Luigi Di Maio

Una attenta analisi sui progetti del Governo su una tematica scottante

di di Giuliano Cazzola*

Su molte questioni non sono d’accordo con Alberto Brambilla, anche se riconosco la sua competenza. Il Rapporto annuale di Itinerari previdenziali è uno strumento utile, anche per chi non condivide, come il sottoscritto, talune analisi e proposte ricorrenti. La mia stima in Brambilla è aumentata in questi mesi, perché, come un nuovo “piccolo eroe di Harlem’’ ha avuto il coraggio di infilare il dito nella crepa maligna della muraglia per scongiurare che essa cedesse di schianto sotto la pressione delle ondate demagogiche sollevate dai caporioni della maggioranza giallo-verde e mandate a schiantarsi contro

[leggi ...]

Fisco: secondo una indagine conoscitiva del Cida l'Irpef 2016 dimostra la penalizzazione del ceto medio

Il 45 per cento dei contribuenti italiani paga infatti solo il 2,82 per cento dell’imposta totale, mentre il 12% ne versa oltre il 57

Il 45 per cento dei contribuenti italiani paga il 2,82% di Irpef, mentre il 12% ne paga oltre il 57%: è il dato macroscopico che emerge dall'indagine conoscitiva “Dichiarazione dei redditi ai fini Irpef 2016 per importi, tipologia di contribuenti e territori e analisi Irap” realizzata da Itinerari Previdenziali - sostenuta da CIDA, la Confederazione dei manager e delle alte professionalità - e presentata al Cnel. “Su un piatto della bilancia c’è l’eccessiva pressione fiscale sui redditi medio-alti, l’evasione e l’elusione

[leggi ...]

L'avventuroso viaggio nei labirinti dello sviluppo sostenibile

Ad addentrarsi in questa complessa tematica, con intelligenza e garbo, sono stati tre insigni studiosi: Pamela Matson, William C. Clark e Krister Andersson. Risultato? Un saggio colloquiale di piacevole leggibilità

di Luigi Sanvito

I termini sostenibilità e sviluppo sostenibile sono spesso usati da comunità umane molto diverse tra loro, eppure la grande maggioranza di questi usi si caratterizza per qualcosa in comune di molto importante: la consapevolezza che la nostra capacità di prosperare nel presente e nel futuro richiede un’attenzione più forte non solo al progresso economico e sociale, ma anche al mantenimento dei sistemi di supporto vitale della Terra, ovvero di quelle dinamiche ambientali e risorse naturali dalle quali dipendono le nostre speranze di prosperità… Così enunciata, questa affermazione degli autori di Imperativo sostenibilità

[leggi ...]

La gioia del Vangelo ci accompagna durante tutta la nostra vita

Il compianto cardinale Carlo Maria Martini, nel libro ripubblicato dopo trent’anni, da grande esegeta, medita lo splendido episodio delle nozze di Cana raccontato da San Giovanni evangelista che racchiude il “cuore” della fede cristiana 

di Giambattista Pepi

“A tutti noi è necessario un maggior radicamento contemplativo. Abbiamo bisogno di entrare di più in noi stessi, di ascoltare nel cuore la parola di Dio, di rivisitare coraggiosamente le ferite interiori che turbano la nostra gioia e di esporle alla medicina della parola del Signore. Abbiamo bisogno di dare spazio allo Spirito santo dentro di noi, per un agire più costante, più perseverante, per essere operatori di pace, per superare le inquietudini nostre e delle nostre comunità, le litigiosità, i timori, i pregiudizi”. È un brano vibrante tratto dal libro Imparare a sorridere. La gioia del Vangelo (Piemme, pagg. 102,

[leggi ...]

La vera storia di Alastair Cram, il re delle evasioni

David Guss piacevolmente racconta le rocambolesche avventure di un ufficiale dell’esercito britannico che, durante la Seconda guerra mondiale, è riuscito a fuggire ventuno volte dai campi di concentramento e di prigionia della Gestapo

di Tancredi Re

Alastair Lorimer Cram era un alpinista scozzese, un avvocato e un ufficiale dell’esercito britannico. Un uomo come molti altri penserete. E invece vi sbagliate. Perché questo marcantonio, vista la sua robusta complessione, sarebbe passato, suo malgrado, alla storia come il più grande evasore di tutti i tempi. Possibile? Sì. Da quando venne fatto prigioniero nel 1941 durante la battaglia di Sidi Rezegh in Nord Africa durante la Seconda guerra mondiale, è sempre scappato dai campi di concentramento e di prigionia dov’è stato detenuto. Si contano ben 21 tentativi. E alla fine della lunga Odissea di fuggiasco, ha

[leggi ...]

"È legittimo sperare che nel ricordare un pezzo di storia nulla sia dato per scontato"

Silvano Agosti, nel suo film-documentario Ora e sempre riprendiamoci la vita, ci guida alla scoperta di un decennio caldo

di Niccolò Gangi

“In futuro, se ci sarà uno storico onesto, sentirà come legittima la necessità di avvicinare i dieci anni trascorsi dal 1968 al 1978 ai grandi eventi che hanno saputo cambiare il mondo come la rivoluzione francese e la rivoluzione russa”. Sono queste stesse parole che guidano Silvano Agosti nella realizzazione del suo film-documentario Ora e sempre riprendiamoci la vita, fuori concorso al settantunesimo Festival del Cinema di Locarno. Questo lavoro racconta il citato decennio in Italia, ripercorrendo le lotte, le rivendicazioni e le conquiste che hanno segnato l’epoca. Materiale cinematografico del

[leggi ...]

Il New York Times attacca Roma: "È sporca e piena di gabbiani"

Impossibile controbattere. Purtroppo - aggiungiamo noi - la città più bella del mondo, in preda al degrado, è indifendibile

di in Italia magazine

Roma è una città sporca, assediata da gabbiani, attratti nel cuore della capitale da rifiuti che abbondano a ogni angolo della città eterna. Non hanno alcun timore di avvicinarsi alle persone, le attaccano e sembrano i padroni del territorio. Sembra quasi ambientata nel celebre film di Hitchcock Gli Uccelli la Roma descritta dal New York Times, tra i più autorevoli giornali d’oltreoceano, che alla capitale d’Italia ha dedicato un lungo e dettagliato articolo, purtroppo non per celebrarne le bellezze, ma semmai per ricordare come i monumenti, le

[leggi ...]

Gioventù sempre più isolata: aumentano i casi di "hikikomori"

La sindrome, diffusa in Giappone, sta conquistando terreno anche in Italia dove sempre più giovani preferiscono vivere appartati nelle loro camerette

di Monia Savioli

Si chiama “Hikikomori” la sindrome che tiene in ostaggio almeno 100.000 giovani in Italia. In Giappone dove è nata e ne sono state delineate le caratteristiche, ad esserne affetti sono almeno un milione. Di cosa si tratta? E’ presto detto. Il termine “Hikikomori” indica un disagio che colpisce in particolare i giovani fra i 14 ed i 25 anni che di colpo perdono interesse nella vita. Si isolano nella loro camera, rifiutano il contatto con il mondo e lasciano aperta una unica finestra, quella di internet. La scelta di

[leggi ...]

Fabio Tamburini nuovo direttore de Il Sole 24 Ore, Radio 24 e Radiocor

Confindustria gioca l'ultima carta per rilanciare il giornale. Guido Gentili rimane direttore editoriale del Gruppo

Fabio Tamburini, classe 1954, già vicedirettore dell’Ansa, è il nuovo direttore de Il Sole 24 Ore, Radio 24 e Radiocor. Tamburini era già stato alla guida di Radio24 e dell’agenzia Radiocor. In precedenza era stato vicedirettore del settimanale Milano Finanza e del quotidiano MF (gruppo Class), inviato e vicecaporedattore presso la redazione economica di Repubblica a Milano, inviato sempre del Sole 24 Ore, caporedattore e capo servizio del settimanale economico il Mondo. Il primo incarico come giornalista è stato a Espansione.

[leggi ...]

Hera, dalla plastica riciclata le tubazioni per i servizi a rete del futuro

La sperimentazione, per la prima volta in Italia, nei territori di Imola, Modena e Rimini. Fogne e reti elettriche i primi banchi di prova

Si chiama polietilene, ed è il nome della materia plastica che nell’ambito dei servizi a rete viene ampiamente utilizzata per realizzare le tubazioni. La buona notizia è che il Gruppo Hera, grazie anche alle competenze di Aliplast - società del Gruppo Herambiente e leader italiano nel trattamento e riciclo della plastica - è la prima realtà in Italia ad avviare un’importante sperimentazione per utilizzare plastica riciclata e di provenienza tracciata nella realizzazione di tali condotte. I tecnici di Hera hanno infatti identificato alcuni primi utilizzi e le

[leggi ...]

Torna a Milano il Salone del franchising, la Fiera internazionale del commercio in affiliazione

Alla manifestazione, in calendario dal 25 al 27 ottobre, saranno presenti le maggiori catene commerciali. A fronte di un comparto che fattura 24,5 miliardi

È iniziato il countdown per l’apertura della 33a edizione del “Salone Franchising Milano”, l’unica fiera nazionale del commercio in affiliazione, che si terrà a Fieramilanocity da giovedì 25 a sabato 27 ottobre. Il Salone propone, oltre al momento espositivo, l’incontro B2B tra le catene commerciali e tutte le persone interessate ad aprire un’attività commerciale in franchising, ed un profilo edutainment che coniuga momenti informativi e formativi a eventi come il Talent Show per la migliore proposta di nuovi

[leggi ...]

MaRue, una vita in bilico con un inaspettato salvatore: la musica

Marocchino per nascita e milanese d’adozione, Oussama Laanbi (questo il suo vero nome) ha vissuto intensamente i suoi primi 26 anni. Frequentando mondi non proprio immacolati, ma riuscendo a imporsi. Senza mai farsi mancare nulla

di Catone Assori

“Mi chiamo Oussama Laanbi e ho attraversato il mare su un aeroplano dopo una giornata uguale a tutte le altre. Dico così, uguale a tutte le altre, perché lo è stata: ero nella mia casa a Rozzano, alle porte di Milano. Era il mese di marzo. Ricordo che stavo giocando con un vecchio pupazzo, un coniglietto con una molla che nel frattempo si era rotta. Ci ero affezionato. Indossavo la mia camicia a quadri preferita ed ero spensierato. Poi, come ogni giorno, ho sentito delle grida provenire dalla stanza da letto: il papà e la mamma litigavano, un’altra volta. Lui la stava minacciando…”. In effetti “quello fra mia madre e

[leggi ...]

Un sogno illuminante

Logica del 2 e logica del 3 nel pensiero sociale di ciascuno di noi

di Andrea di Furia

Mi hanno raccontato un sogno. All’interno di un ufficio ministeriale oltre al capo che assiste in silenzio ci sono due persone che discutono in un’atmosfera serena e stimolante. Il dialogo avviene tra queste due. E mentre una  [leggi ...]

Carpineti: nelle terre di Matilde di Canossa

di Valentina Zirpoli

Nella provincia di Reggio nell'Emilia, ai piedi del Monte Antognano, tra il bacino del fiume Secchia e i torrenti Tresinaro e Tassobbio, sorge il paese di Carpineti. Questo luogo fu abitato fin dalla Preistoria e vide la presenza delle popolazioni dei Liguri, dei Romani, dei Bizantini e dei Longobardi. Carpineti ebbe particolare importanza al tempo della contessa Matilde di Canossa, marchesa di Toscana ed ultima

[leggi ...]

Un serial killer imperversa a Torino e il commissario Vivacqua indaga

Torna l’intrigante protagonista uscito dalla penna di Carlo F. De Filippis. A ruota le regole del giallo interpretate da Kerry Fisher e Andreas Gruber

di Mauro Castelli

Si propone come una delle voci più interessanti della nostra narrativa di settore, dov’era entrato alla chetichella tre anni fa, proposto dalla Giunti, con Le molliche del commissario, un giallo alla Agatha Christie nel quale aveva fatto debuttare un personaggio con le carte in regola per catturare e sorprendere il lettore: ovvero Salvatore Vivacqua, detto Totò, poi riproposto vincente ne Il paradosso di Napoleone e quindi - visto che

[leggi ...]

Sei delitti d'autore, nelle Serenissima del 500, all'ombra del processo a Hieronymus Bosch

Da Carlo A. Martigli un thriller dal passo “ipnotico e avvolgente”. All’insegna di intriganti personaggi che lasciano il segno

di Massimo Mistero

Di certo non è l’ultimo arrivato. Come Carlo A. Martigli ha infatti pubblicato 14 libri, guadagnandosi una buona credibilità internazionale, mentre come Johnny Rosso ne ha dati alle stampe altri 24, suddivisi in otto trilogie. Di fatto un penna poliedrica, capace di sfruttare la sua vena narrativa in variegati ambiti, come quello dedicato ai bambini. Ma soprattutto un autore che ha saputo regalare, ai suoi lettori,

[leggi ...]

Cinque ragazzi, un solo assassino, ma nessuno è davvero innocente

Dalla penna dell’inglese Natasha Preston un giallo per giovani adulti incentrato su un fine settimana in montagna con due morti al seguito

di Valentina Zirpoli

“Il mio nome è Natasha, ma la maggior parte delle persone mi chiama Tash o Tasha. Nemmeno a me importa. Sono nata in Inghilterra e da allora ho vissuto in piccole città e villaggi di campagna.  Mio marito, Joseph (o Joe, fate voi), è la persona più importante della mia vita. Senza il suo amore, il suo aiuto e la sua pazienza, non sarei dove sono oggi. Inoltre sono una mamma orgogliosa di due ragazzini che si propongono come il mio mondo.  A scuola sono

[leggi ...]

I racconti del passato di una poetessa che non sa di esserlo

Il libro Fili di seta di Bruna Chiarcos nasce dai suggestivi paesaggi di Cortina, che le hanno stimolato la creatività

di Mario Pinzi

La scrittrice è una donna di origini friulane trapiantata a Cortina d’Ampezzo con un percorso di vita quanto mai magico e significativo, che ha tessuto i suoi ricordi poetici come dei fili di seta delicatamente intrecciati negli abiti d’ispirazione tirolese che lei stessa vendeva nella sua esclusiva boutique d’abbigliamento. Questa fantastica donna è Bruna Chiarcos, nata a Biauzzo da genitori di tradizioni contadine. Agli inizi degli anni ’60

[leggi ...]

Un "cold case" per i quattro vecchietti del BarLume

Torna sugli scaffali, e siamo a quota otto, la banda dei Magliadilana inventata da Marco Malvaldi e giocata nel segno del sorriso

di Massimo Mistero

Da buon toscano doc (è infatti nato a Pisa il 27 gennaio 1974 e ancora abita in zona) a Marco Malvaldi la lingua non difetta. Alla stregua della penna. Ed è piacevole starlo a sentire quando parla a ruota libera. Basta infatti regalargli un’imbeccata e lui via a tenere banco sugli argomenti più diversi: in primis su quel rapporto speciale con il figlio Leonardo e la moglie Samantha, sua musa ispiratrice sia in termini di storie che di rapporto con l’arte (e

[leggi ...]

C'è ancora vita nella terza età: non bisogna smettere di cercare la felicità

Costanza, la protagonista dell’ultimo romanzo di Lidia Ravera, ha un sogno: quello di rivivere l’età delle illusioni. Così decide di riunire gli amici di un tempo in un ex convento...

di Tancredi Re

Costanza non è vecchia, ma presto lo sarà. Convinta che il terzo tempo sia da vivere pienamente, senza mai smettere di cercare la felicità, ne scrive con spirito battagliero in una rubrica. “Insegno malinconia positiva. Soffrire da vecchi è la regola. Soltanto i vecchi speciali ce la fanno. E i vecchi speciali sono quelli che stanno bene”. Quando eredita dal padre un austero ex convento a Civita di Bagnoregio (la frazione del centro in provincia di

[leggi ...]

Le idi di marzo, Roma è in lutto e la vendetta è già pronta

Un gradito ritorno: quello di Conn Iggulden, di nuovo in scena con un altro episodio della saga Imperator. E con lui la storia cambia vestito

di Catone Assori

Raccontare la storia: come se fosse facile. Intanto è necessario un robusto lavoro di documentazione, e questo dipende soltanto dalla disponibilità dell’interessato all’approfondimento; poi è necessario riuscire ad annodare i fatti con le ambientazioni e il ruolo dei personaggi; quindi risulta vincente la capacità nell’addentrarsi con malizia narrativa in quel che è successo nei tempi andati. Ma soprattutto è indispensabile

[leggi ...]

Alice e quell'Europa degli anni Trenta annientata dalla guerra

La scrittrice Theresa Révay, con grande abilità, unisce personaggi inventati e protagonisti veri di un’epoca così folle da sembrare irreale

di Tancredi Re

Alice Clifford, intrepida reporter, corrispondente per il New York Herald Tribune, si reca in Abissinia (l’antico nome dell’Etiopia, dove si era già svolta la prima guerra italo-etiopica tra il dicembre 1895 e l’ottobre 1896) nella primavera del 1936. È stata inviata dal suo giornale nelle terre dell’Impero d’Etiopia per documentare l’orrore del conflitto che si sta combattendo da mesi tra le truppe del Negus e i militari dell’esercito italiano inviati

[leggi ...]

Servizi
World Press Trenitalia Italo eDreams il Meteo MarketinG E...