Share |

“Medias. L’informazione nome per nome” per chi vuole sapere tutto sulle redazioni giornalistiche

Uno strumento indispensabile per chi opera nella Comunicazione con i media. Da notare che con l’ultimo numero, disponibile da pochi giorni, è partito un restyling della grafica che resterà come elemento distintivo per i prossimi anni


03/12/2020

Dal 1987 Medias pubblica un quadrimestrale che fotografa il mondo giornalistico con aggiornamenti quotidiani delle redazioni nella sua versione online. Se all’inizio era composto da 70 pagine con 500 nomi, oggi è arrivato a comprendere, in 1.056 pagine, 31.000 nomi, tutti consultabili anche nell'app Medias per iPad e iPhone che presenta le redazioni contenute nel volume, con il vantaggio di un prezzo scontato, oltre che della velocità di consultazione avanzata e invio mail. 
Più in particolare la ricerca sul volume viene facilitata da quattro indici, tre relativi alle testate (categoria, frequenza e genere dei blog) e uno relativo ai nominativi dei giornalisti, con riferimento alle testate di appartenenza. 
Medias è una pubblicazione che si propone come un fondamentale strumento di lavoro e al periodico cartaceo, da venti anni, si è affiancata la versione online, un database aggiornato quotidianamente con tutti i nomi compresi nel volume. Questa versione elettronica consente la creazione, la personalizzazione e l’esportazione di mailing list per l'invio di comunicati o inviti ad eventi. 
L’aggiornamento quotidiano consente di essere sempre informati sugli spostamenti che avvengono tra un’edizione del periodico e il numero successivo. Essendo considerata complementare al periodico, questa versione online è compresa nel prezzo del volume, per consentire ai Clienti di non rimanere scoperti sui più recenti movimenti nell'ambito delle redazioni. 
A seguito di numerose richieste da parte di Clienti storici, per evitare di dover rinnovare ogni anno e, allo stesso tempo, di diminuire il costo per anno, Medias offre ora la possibilità di abbonamenti anche triennali e quadriennali. 
L'offerta Medias si è ampliata nel tempo con nuovi strumenti seguendo l’evoluzione tecnologica e oggi si compendia in quattro prodotti che rispondono a ogni esigenza di uffici stampa e pubbliche relazioni. 
Il volume quadrimestrale viene utilizzato per lo più dai Capi uffici stampa che lo vogliono a portata di mano sulla scrivania in quanto aiuta a trovare subito una testata, un nome, un telefono, una mail. 
La versione online www.MediasDataBank.net viene utilizzata dall'ufficio stampa che ha la necessità di effettuare ricerche multiple secondo criteri diversi, che vanno dai settori di competenza alle responsabilità operative individuali o alla localizzazione sul territorio, memorizzando un numero illimitato di consistenti mailing list per essere richiamate e modificate per occasioni future. Queste mailing list, visibili solo da chi le ha create, possono essere utilizzate anche per stampare liste o etichette. 
A fianco di questi due prodotti vi sono poi le versioni mobili del database, www.mediasdb.mobi, con grafica essenziale per collegamenti leggeri dal cellulare, e, infine, l'app Medias per iPad e iPhone, utile per interrogazioni in mobilità. 
Medias volume, ancora oggi il core business dell'azienda, è un vero e proprio dizionario corredato da numeri telefonici, qualifiche, testate, indirizzi e quant’altro e ruota intorno al mondo delle redazioni, cioè informazioni precise per un riferimento veloce e un contatto immediato. 
Per la cronaca Medias (Tel. 010/582840) è una casa editrice snella e pronta all’evoluzione tecnologica, capace cioè di adeguandosi ai tempi e alle esigenze dell'ufficio stampa. 
L’ultima edizione di Novembre 2020, appena uscita, ha inaugurato un restyling della grafica con la scelta di un colore di copertina che sarà immutabile nel tempo al contrario dei contenuti che, grazie a un aggiornamento costante, offriranno informazioni e riferimenti sempre utili all'operatività quotidiana nelle Media Relations. 
Ricordiamo infine che trenta tre anni fa i clienti avevano battezzato Medias come la “Gazzetta Ufficiale” delle redazioni giornalistiche. Un riconoscimento che i tempi hanno confermato, visto che quei clienti sono rimasti fedeli alla loro prima scelta.

(riproduzione riservata)