Share |

Come hanno fatto i gatti a conquistare le nostre case?

Ce lo spiega Abigail Tucker in un libro tra scienza e racconto popolare, partendo dall’antico Egitto sino ad arrivare all’epoca dei social


20/11/2017

di Vera De Ragazzinis


Un libro dedicato ai gatti che si dipana fra scienza e racconto popolare; che parte dall’Antico Egitto sino ad arrivare ai nostri giorni; che si legge che è un piacere per via delle incredibili verità proposte, spesso frutto di un approfondito lavoro di documentazione. Un lavoro scritto di getto da Abigail Tucker, salvo poi farsi “domare” - sono parole sue - dalla sua “fantastica curatrice” Karin Marcus e “rifinire” da Megan Hogan. Con un sentito ringraziamento finale - poteva essere diversamente? - alla sua famiglia: lo straordinario marito Ross e i tre figli Gwendolyn, Eleanor e il piccolissimo Nicholas. 
Risultato? Il re della casa. Come i gatti ci hanno addomesticato e hanno conquistato il mondo (Newton Compton, pagg. 318, euro 10,00, traduzione di Paola Vitale), un saggio che si propone alla stregua di un romanzo e che ci accompagna, passo dopo passo, negli ultimi cinquemila anni raccontandoci una incredibile storia condita di curiosità e inaspettati incontri: ad esempio comuni gatti di casa scambiati per i suoi maestosi cugini (pantere, ghepardi, leopardi e persino leoni: come nel caso del Leone dell’Essex, il quale era quasi sicuramente un gattone dal mantello fulvo di nome Teddy Bear avvistato nel 2012 mentre i proprietari si trovavano in vacanza), ai quali assomigliano in tutto e per tutto, tranne che per le dimensioni. Ma la fantasia e la dabbenaggine umana, si sa, non ha limiti. 
Di fatto il gatto di casa è diventato, strada facendo, il nuovo re degli animali. Contagiando una marea di persone (non a caso - lo sapevate? - risulta fra le cento specie più invasive al mondo, peraltro accusato di causare l’estinzione di alcune altre specie). Sta di fatto che la loro invasione non conosce soste. Animali peraltro soggetti anche a “sfruttamento”. Ci sono infatti gatti celebri che firmano contratti per il cinema, che sono utilizzati per sponsorizzare donazioni nel campo della beneficenza, che hanno account Twitter contando, tra i follower, persino le star di Hollywood. 
Inoltre sono utilizzati per promuovere linee di moda, prodotti di largo consumo e persino i cat café, curiosi locali (ce n’è uno anche vicino alla stazione centrale di Milano - ndr) in cui i clienti pagano per bersi una bibita allietati da affettuosi felini. Per non parlare della marea di pupazzi di peluche che, a loro immagine e somiglianza, popolano gli scaffali dei grandi magazzini di tutto il mondo. 
Ma cosa sappiamo realmente su questi animali, su come sono arrivati a vivere tra noi e perché detengono un potere tanto grande sia dentro che fuori dalle nostre case? E come mai questi felini, al contrario dei cani, non sono disposti a ubbidire al loro padrone? Di fatto li accettiamo perché ci piacciono. Ma per quale altra ragione? E qual è il loro segreto? 
Ecco, le risposte le troverete in questo lavoro di Abigail Tucker, collaboratrice della prestigiosa rivista Smithsonian nonché di altre testate, i cui saggi sono stati pubblicati nella serie The Best Americamn Science. Lei capace di dare voce a un avventuroso quanto divertente percorso attraverso la storia, l’etologia e la cultura popolare per capire come questi “piccoli leoni da salotto” siano riusciti a conquistare il cuore di centinaia di milioni di persone. 
E per farlo l’autrice ha intervistato allevatori, attivisti e scienziati che hanno dedicato la loro vita a osservare e studiare appunto i gatti. Dimostrando come questo felino, egoista e approfittatore, sia riuscito “a sfruttare il rapporto privilegiato con gli esseri umani per diventare uno degli animali più potenti del pianeta”. Sfrattandoci dal nostro posto preferito sul divano, conquistando gli scaffali delle nostre librerie, pretendendo di essere servito e riverito ma anche facendo le fusa e, un attimo dopo, tendendoci inaspettati agguati. In altre parole costringendoci al suo servizio. Vi sembra poco? 

(riproduzione riservata)