Share |

Il Gruppo Albini cresce e investe: ricavi a 152 milioni di euro e miglior esercizio dell'ultimo triennio

Eccellenza, innovazione e tracciabilità guidano il trend positivo


27/05/2019

Stefano Albini

Il Gruppo Albini ha chiuso l’esercizio 2018, il migliore degli ultimi tre anni, con ricavi netti consolidati di 152 milioni di euro, con un incremento del 2% rispetto al fatturato di 149 milioni di euro registrato nell’anno precedente. Il 2018 si è chiuso con un utile di 2,75 milioni di euro; l’Ebitda è passato da 9,1 milioni del 2017 a 13,7 milioni nel 2018: il cash-flow è stato di 11,8 milioni di euro rispetto ai 5,7 del 2017; l’indebitamento finanziario netto a fine anno risultava in diminuzione di 12,9 milioni, il 25% in meno rispetto all’anno precedente. 
In un contesto che si conferma globalmente in contrazione, il presidente Stefano Albini, ha commenta così i risultati: “Il mercato premia l’eccellenza e da sempre il Gruppo Albini è posizionato nella fascia più alta, puntando e investendo in progetti innovativi con centri di ricerca internazionali, sui temi della sostenibilità garantendo il massimo della trasparenza tramite il controllo diretto della filiera, sulla qualità eccellente delle materie prime accuratamente selezionate e su prodotti e servizi al cliente sempre più performanti, grazie anche a un uso più spinto delle tecnologie digitali. Inoltre la determinazione di voler essere da sempre produttori del Made in Italy, di cui rimane molto alta la considerazione nel mondo, si è rivelata vincente”. 
Fondato nel 1876 ad Albino (Bergamo), Albini Group è da sempre un’impresa familiare e oggi, giunta al 143° anno di attività, è guidato dalla quinta generazione della famiglia rappresentata da Fabio, Andrea e Stefano Albini. Albini Group conta oggi su sette stabilimenti (di cui quattro in Italia), per un totale di oltre 1.400 dipendenti ed è il maggior produttore europeo di tessuti per camicia.

(riproduzione riservata)